Database release:
SDF
NATURA 2000 - STANDARD DATA FORM

For Special Protection Areas (SPA),
Proposed Sites for Community Importance (pSCI),
Sites of Community Importance (SCI) and
for Special Areas of Conservation (SAC)

TABLE OF CONTENTS

1. SITE IDENTIFICATION

Back to top

1.1 Type

B

1.2 Site code

IT9210155

1.3 Site name

Marina di Castrocucco

1.4 First Compilation date

1995-06

1.5 Update date

2017-01

1.6 Respondent:

Name/Organisation:Regione Basilicata Dip. Ambiente, Territorio e Politiche della Sostenibilità Ufficio Tutela della Natura
Address:               
Email:
Date site proposed as SCI:1995-09
Date site confirmed as SCI: No data
Date site designated as SAC:2017-01
National legal reference of SAC designation:DM 11/01/2017 - G.U. 28 del 03-02-2017

2. SITE LOCATION

Back to top

2.1 Site-centre location [decimal degrees]:

Longitude:15.750278
Latitude:39.947778

2.2 Area [ha]

811.0000

2.3 Marine area [%]

12.0000

2.4 Sitelength [km]:

0.00

2.5 Administrative region code and name

NUTS level 2 code Region Name
ITF5Basilicata

2.6 Biogeographical Region(s)

Mediterranean (100.00 %)

3. ECOLOGICAL INFORMATION

Back to top

3.1 Habitat types present on the site and assessment for them

Annex I Habitat types Site assessment
Code PF NP Cover [ha] Cave [number] Data quality A|B|C|D A|B|C
      RepresentativityRelative SurfaceConservationGlobal
1120  info      56.77  0.00 
1170  info      16.22  0.00 
1240  info      8.11  0.00 
5210  info      8.11  0.00 
5330  info      72.99  0.00 
6210  info      64.88  0.00 
6220  info      8.11  0.00 
8210  info      8.11  0.00 
8310  info      8.11  0.00 
8330  info      8.11  0.00 
91AA  info      56.77  0.00 
9340  info      72.99  0.00 
  • PF: for the habitat types that can have a non-priority as well as a priority form (6210, 7130, 9430) enter "X" in the column PF to indicate the priority form.
  • NP: in case that a habitat type no longer exists in the site enter: x (optional)
  • Cover: decimal values can be entered
  • Caves: for habitat types 8310, 8330 (caves) enter the number of caves if estimated surface is not available.
  • Data quality: G = 'Good' (e.g. based on surveys); M = 'Moderate' (e.g. based on partial data with some extrapolation); P = 'Poor' (e.g. rough estimation)

3.2 Species referred to in Article 4 of Directive 2009/147/EC and listed in Annex II of Directive 92/43/EEC and site evaluation for them

Species Population in the site Site assessment
G Code Scientific Name S NP T Size Unit Cat. D.qual. A|B|C|D A|B|C
      MinMax  Pop.Con.Iso.Glo.
BA229Alcedo atthis                 
BA226Apus apus                 
BA228Apus melba                 
BA227Apus pallidus                 
BA221Asio otus                 
BA218Athene noctua                 
BA087Buteo buteo           
BA335Certhia brachydactyla           
BA137Charadrius hiaticula                 
BA289Cisticola juncidis           
BA373Coccothraustes coccothraustes           
BA208Columba palumbus           
BA350Corvus corax                 
BA253Delichon urbica                 
BA237Dendrocopos major                 
P1468Dianthus rupicola                 
R1279Elaphe quatuorlineata                 
BA378Emberiza cia           
BA377Emberiza cirlus           
BA103Falco peregrinus                 
BA096Falco tinnunculus           
BA359Fringilla coelebs           
BA244Galerida cristata                 
BA342Garrulus glandarius           
BA251Hirundo rustica           
BA383Miliaria calandra           
BA281Monticola solitarius           
BA262Motacilla alba           
BA319Muscicapa striata           
BA329Parus caeruleus           
BA330Parus major           
BA354Passer domesticus           
BA072Pernis apivorus                 
BA273Phoenicurus ochruros           
BA315Phylloscopus collybita           
BA235Picus viridis                 
P1628Primula palinuri    251  251     
BA250Ptyonoprogne rupestris           
BA317Regulus regulus           
BA249Riparia riparia                 
BA276Saxicola torquata           
BA155Scolopax rusticola           
BA332Sitta europaea           
BA311Sylvia atricapilla           
BA305Sylvia melanocephala           
BA265Troglodytes troglodytes           
BA283Turdus merula           
BA285Turdus philomelos           
BA284Turdus pilaris           
BA213Tyto alba                 
BA232Upupa epops           
  • Group: A = Amphibians, B = Birds, F = Fish, I = Invertebrates, M = Mammals, P = Plants, R = Reptiles
  • S: in case that the data on species are sensitive and therefore have to be blocked for any public access enter: yes
  • NP: in case that a species is no longer present in the site enter: x (optional)
  • Type: p = permanent, r = reproducing, c = concentration, w = wintering (for plant and non-migratory species use permanent)
  • Unit: i = individuals, p = pairs or other units according to the Standard list of population units and codes in accordance with Article 12 and 17 reporting (see reference portal)
  • Abundance categories (Cat.): C = common, R = rare, V = very rare, P = present - to fill if data are deficient (DD) or in addition to population size information
  • Data quality: G = 'Good' (e.g. based on surveys); M = 'Moderate' (e.g. based on partial data with some extrapolation); P = 'Poor' (e.g. rough estimation); VP = 'Very poor' (use this category only, if not even a rough estimation of the population size can be made, in this case the fields for population size can remain empty, but the field "Abundance categories" has to be filled in)

3.3 Other important species of flora and fauna (optional)

Species

Population in the site

Motivation

Group CODE Scientific Name S NP Size Unit Cat. Species Annex Other categories
     MinMax C|R|V|PIVVABCD
Astroides calycularis                   
Atamantha ramosissima                   
Calystegia soldanella                   
Campanula fragilis                   
Centaurea cineraria                   
Cystoseira amentacea                   
Edraianthus graminifolius                   
Epinephelus marginatus                   
Erinaceus europaeus                   
Euphorbia dendroides                   
Glis glis                   
Hieropis viridiflavus                   
Juniperus phoenicea ssp. turbinata                   
Limonium remotispiculum                   
1027Lithophaga lithophaga                   
Martes foina                   
Matthiola tricuspidata                   
Mustela nivalis                   
Ophidiaster ophidianus                   
Ornithogalum exscapum                   
Paracentrotus lividus                   
1028Pinna nobilis                   
1250Podarcis sicula                   
Polygala major                   
Polygonum maritimum                   
Quercus virgiliana                   
Suncus etruscus                   
Trifolium brutium                   
  • Group: A = Amphibians, B = Birds, F = Fish, Fu = Fungi, I = Invertebrates, L = Lichens, M = Mammals, P = Plants, R = Reptiles
  • CODE: for Birds, Annex IV and V species the code as provided in the reference portal should be used in addition to the scientific name
  • S: in case that the data on species are sensitive and therefore have to be blocked for any public access enter: yes
  • NP: in case that a species is no longer present in the site enter: x (optional)
  • Unit: i = individuals, p = pairs or other units according to the standard list of population units and codes in accordance with Article 12 and 17 reporting, (see reference portal)
  • Cat.: Abundance categories: C = common, R = rare, V = very rare, P = present
  • Motivation categories: IV, V: Annex Species (Habitats Directive), A: National Red List data; B: Endemics; C: International Conventions; D: other reasons

4. SITE DESCRIPTION

Back to top

4.1 General site character

Habitat class % Cover
N0112.00
N051.00
N0846.00
N0918.00
N167.00
N173.00
N189.00
N224.00

Total Habitat Cover

100

Other Site Characteristics

CARATTERI CLIMATICI GENERALI. I caratteri climatici del tratto costiero tirrenico della Basilicata risultano fortemente influenzati dalle caratteristiche geomorfologiche del territorio, legate essenzialmente ad un'accentuata morfologia del rilievo ed alle quote elevate che si raggiungono a pochissima distanza dalla linea di riva. Analogamente ad altri territori costieri, nonostante le poche stazioni termopluviometriche disponibili (Maratea e Trecchina, mentre per Acquafredda sono disponibili unicamente i dati pluviometrici), è possibile evidenziare un carattere climatico tipicamente mediterraneo, con periodo di aridità estiva esteso da metà Giugno a metà Agosto. L'andamento delle precipitazioni (dal mare all'entroterra) mostra una certa articolazione, in quanto in posizione arretrata rispetto alla linea di costa si evidenzia una piovosità decisamente maggiore per gran parte dell'anno. L'entità delle precipitazioni medie annue è risultata di 1250 mm per la stazione di Maratea, di 1214.4 mm per Acquafredda, mentre raggiungono i 1830 mm a Trecchina, che costituisce un valore decisamente elevato se confrontato con analoghi siti costieri dell'Italia meridionale. Relativamente ai valori termici, nella stazione di Maratea si registrano temperature medie del mese più freddo (gennaio) intorno a 8.00 °C e massime nel mese più caldo (agosto) di 22.50 °C, con una media annuale di 14.77 °C. La stazione di Trecchina, posta a quote più elevate, mostra valori termici minori con temperatura media del mese più freddo (gennaio) intorno a 5.40 °C e massime nel mese più caldo (Luglio) di 22.20 °C, con una media annuale di 12.98 °C (Caneva et al., 1997; Caneva & Cancellieri in Caneva & Cutini, 2009). Utilizzando una delle classificazioni bioclimatiche correntemente in uso in ambito ecologico e fitosociologico (classificazioni sensu Rivas-Martinez), che utilizza appositi indici in grado di "misurare" l'appartenenza delle stazioni esaminate all'interno di categorie prefissate, si nota come l'area in esame presenti un bioclima di tipo mediterraneo pluviostagionale oceanico, con termotipo mesomediterraneo e ombrotipo umido, che, in senso generale, corrisponde ad un andamento climatico tipicamente mediterraneo (con aridità estiva) ma con una quantità medio-elevata di precipitazioni autunnali ed invernali. CARATTERI GEOLOGICI E GEOMORFOLOGICI GENERALI. La costa di Maratea è limitata ad Est dai rilievi del Monte Coccovello fino al Monte Maiorino, a Nord dai rilievi del Monte Spina e del Monte Palladino (confine con la Campania), ad Ovest dal Mar Tirreno e a Sud dalla porzione terminale della valle del Fiume Noce, che segna il confine con la Calabria. Si estende per circa 30 Km e interessa un territorio di oltre 6700 ettari, caratterizzato da un tratto di Appennino lucano, parallelo alla linea di costa, con oscillazioni altimetriche notevoli (M.te Coccovello, 1505 m) ed una morfologia particolarmente accentuata. Le formazioni geologiche presenti nell'area sono riferibili essenzialmente ad unità stratigrafico-strutturali derivanti dalla Piattaforma Campano-Lucana e dall'Unità Liguride (flysch liguride), al di sopra delle quali sono presenti potenti coperture detritiche di origine recente, oltre a depositi alluvionali che assumono notevoli spessori in corrispondenza delle aree golenali del Fiume Noce (Cotecchia et al., 1990). L'area, quindi, risulta caratterizzata prevalentemente da terreni mesozoici e terziari carbonatici, ben rappresentati nelle strutture dei rilievi di Monte Coccovello e dalla serie dei Monti di Trecchina, tra i quali si impostano anche successioni di carattere flyscioide. Le rocce calcaree affioranti, anche se riferibili al dominio appenninico di piattaforma carbonatica, se ne differenziano per i caratteri deposizionali e per l'evoluzione tettonica e sedimentaria. Le strutture sedimentarie che condizionano gran parte della morfostruttura dei monti di Maratea, appartengono alla successione carbonatica Bulgheria-Verbicaro, unità costituita da dolomie nerastre, massive o stratificate, del Lias inferiore - Trias medio, e alla successione Alburno-Cervati, rappresentata per larghi settori da calcari grigi e nerastri con intercalazioni dolomitiche del Cretaceo superiore - Lias, entrambe derivanti dalla deformazione della Piattaforma Campano-Lucana. L'Unità Alburno-Cervati è ampiamente diffusa in Italia meridionale, affiora nei monti di Lauria, nell'area dei Monti Alburni e dei Monti Picentini, nonché nell'area del Monte Pollino, mentre, nel territorio in esame emerge diffusamente in corrispondenza di Monte La Serra, del Monte Coccovello, e presso Castrocucco (Cotecchia et al., 1990). Il complesso assetto strutturale presente a Maratea è frutto delle diverse fasi tettoniche che hanno coinvolto le unità presenti. Nella sua costituzione un ruolo fondamentale sembra averlo avuto la lineazione tettonica chiamata Linea del Pollino, corrispondente ad una zona di taglio profonda, continua dalle aree tirreniche a quelle ioniche; l'attività di tale zona di taglio sarebbe perdurata almeno a partire dal Miocene inferiore fino al Pleistocene medio-superiore (Cotecchia et al., 1990). L'intera dorsale carbonatica risulta fortemente tettonizzata da una serie di faglie con direzione SO-NE e da un sovrascorrimento che mette in contatto le due unità. Nell'area di Maratea l'accavallamento delle diverse unità è presente a Nord della congiungente Maratea-Brefaro-Piano dei Peri, ed interessa quindi l'area corrispondente alla Valle di Maratea, al M.Crivo e a tutto il territorio ad Est di esso. A Sud della suddetta congiungente prevale, invece, il contatto diretto tra l'Unità Bulgheria-Verbicaro e la sottostante Unità Alburno-Cervati (D'Ecclesiis et al., 1993). Da tutto ciò emerge come gran parte del territorio mostri evidenti segni di una complessa evoluzione geomorfologica che seppur innescata in tempi remoti, non sembra essersi ancora del tutto esaurita. I fenomeni ancora in atto risultano sostanzialmente diversi fra loro, manifestandosi sottoforma di rotture e deformazioni gravitative di versante, oltre a movimenti franosi propriamente detti (Cotecchia et al., 1990). Un ruolo significativo è dato dal sistema di faglie presenti in tutto il comune di Maratea, ed in particolare la faglia diretta, a direzione N-S immergente verso ovest con una inclinazione di 70°, che borda il versante occidentale del M. Crivo delimitando il fianco destro della Valle di Maratea. Questa mostra una chiara prosecuzione a mare ed una intensa attività ancora in atto, cui si associa un significativo canyon sottomarino, chiamato dai pescatori locali "Fossate", il quale attraverso un attivo sistema di canali che vanno dalla linea di costa verso il mare aperto, raccoglie e convoglia verso il largo buona parte dell'attuale carico sedimentario (Colantoni et al., 1997) . Lungo la costa, generalmente alta e frastagliata, il substrato mesozoico e la copertura clastica presentano terrazzamenti di origine marina (e/o testimonianze di linee di riva) distribuiti a diverse quote e correlabili con le più recenti oscillazioni glacio-eustatiche pleistocenico-oloceniche del livello marino, tracce ben osservabili in tutta la zona (Carobene e Dai Pra, 1991). Ne sono un esempio il terrazzo marino, in parte ricoperto da brecce di pendio, presente nella porzione meridionale dell'area portuale di Maratea, o quello posto a NW della spiaggia di Fiumicello (Ogliastro-Cersuta) che presenta peculiari depositi calcarenitici. Dal punto di vista strettamente morfologico, le pendenze maggiormente ricorrenti risultano quelle relative alle classi mediane, comprese in un intervallo che va da 20° a 40°. Le pendenze sono distribuite in corrispondenza ai pendii più significativi presenti ai lati delle valli e lungo la costa, a formare delle falesie che si ritrovano a Nord e a Sud di Maratea, lungo il litorale. I valori più alti relativamente alle energie di rilievo, sono distribuiti sia lungo le coste, in corrispondenza delle alte pendenze, sia in corrispondenza dei rilievi carbonatici. C'è da segnalare l'area del versante orientale della valle di Maratea, che presenta alti valori di energia del rilievo, da considerare relativi all'azione delle deformazioni gravitative profonde di versante. Analizzando, infine, la distribuzione delle classi di esposizione, le più ricorrenti risultano quelle verso Ovest e Sud-Ovest, seguite da quelle relative a Sud e Sud-Est (Cecili et al. in Caneva & Cutini, 2009).

4.2 Quality and importance

Il SIC di Marina di Castrocucco costituisce un territorio costiero di particolare interesse naturalistico e paesaggistico notevolmente diversificato dal punto di vista ambientale e caratterizzato da rupi costiere, pascoli, garighe, frammenti forestali (leccete a dominanza di sclerofille e querceti misti a sclerofille-caducifoglie), oltre che da alcuni habitat marini di grande interesse. Presenta una variazione altimetrica notevole (quota massima Serra di Castrocucco, 743 m s.l.m.) e ospita 12 habitat (di cui 3 prioritari), su una superficie del territorio del SIC pari a 811 ha. Con il presente aggiornamento sono stati individuati 4 nuovi habitat rispetto ai dati del 2003, elemento reso possibile dalle aumentate conoscenze floristiche e vegetazionali di questo tratto costiero negli ultimi anni (Caneva & Cutini, 2009). Di particolare interesse le importanti stazioni dell'endemica Primula palinuri (Foto 1 allegata) e di Dianthus rupicola (entrambi indicate nell'Allegato II della Direttiva), presenti in ambito regionale unicamente nel tratto costiero tirrenico della Basilicata. Si segnala il notevole interesse conservazionistico di queste due entità, menzionate tra le specie dell'Allegato I della Convenzione di Berna, e tra le specie a rischio d'estinzione della flora vascolare italiana (Scoppola et al., 2005; Fascetti & Navazio, 2007). Tra le altre specie floristiche di notevole interesse conservazionistico, si segnalano Juniperus phoenicea ssp. turbinata, considerata rara e vulnerabile in Basilicata, e Atamantha ramosissima da considerarsi vulnerabile a scala regionale (Fascetti & Navazio, 2007). Viene inoltre segnalata una specie degli habitat marini (Cytoseira amentacea), inserita negli allegati del Protocollo sulle Aree Specialmente Protette e la Diversità Biologica nel Mediterraneo (Convenzione di Barcellona del 1995)(Guala & Coppa, 2008). Per quanto riguarda le diverse altre entità floristiche segnalate (Centaurea cineraria, Euphorbia dendroides, Quercus virgiliana, Calystegia soldanella, Matthiola tricuspidata, Polygonum maritimum, Ornithogalum exscapum, Trifolium brutium), trattasi di specie interessanti in quanto uniche stazioni regionali e/o taxa di notevole interesse per l'Italia meridionale. Per quanto riguarda la fauna, l'importanza del sito risiede nella presenza di importanti habitat naturali, in parte inaccessibili e in continuità territoriale con analoghe realtà che si spingono nell'entroterra, ben oltre i perimetri del SIC. Gli habitat più significativi a fini faunistici sono quelli rupicoli, quelli boschivi e quelli relativi ai pascoli cespugliati, siti riproduttivi di specie di rilevante importanza conservazionistica. Tra queste specie si segnalano il rondone pallido (Apus pallidus), il passero solitario (Monticola solitarius), il rampichino (Certhia brachydactyla) e il corvo imperiale (Corvus corax). La vicinanza alla costa pone il sito su importanti rotte migratorie, solo di recente oggetto di specifici studi. Tanto in fase migratoria primaverile, quanto in quella autunnale, sono numerose le specie che sostano nel sito. Tra le più significative sono le presenze del falco pecchiaiolo (Pernis apivorus), della poiana (Buteo buteo), anche svernante, e del gufo comune (Asio otus) nidificante.

4.4 Ownership (optional)

Type[%]
PublicNational/Federal0
State/Province0
Local/Municipal0
Any Public0
Joint or Co-Ownership0
Private0
Unknown0
sum100

4.5 Documentation

AA. VV., 2003. Rivisitazione di alcune praterie di Posidonia oceanica lungo le coste delle Regioni Liguria, Toscana, Lazio, Basilicata e Puglia e progetto pilota per l'armonizzazione dei relativi dati cartografici esistenti. CONISMA. Rapporto Tecnico. ALOISE G., BERTOLINO S.2005. Free-ranging Population of the Finlayson's Squirrel Callosciurus finlaysonii (Horsfield, 1824) (Rodentia, Sciuridae) in South Italy. Hystrix It. J. Mamm. 2005; 16 (1): 70-74. ALOISE G., BERTOLINO S.2008. Espansione della popolazione di Callosciurus finlaysonii (Horsfield, 1824) (Rodentia, Sciuridae) della costa tirrenica meridionale. VI Congr. It. Teriologia, Cles (Tn) 16-18 Aprile 2008. Hystrix , It. J. Mammal. (n.s.) Supp. 2008. CANEVA G., CUTINI M., 2009. Flora, vegetazione e tradizioni etnobotaniche di Maratea. Gangemi Ed., Roma. 176 pp. CANEVA G., CUTINI M., MAYER A., DE MARCO G., 2004a. Aspetti forestali della classe Quercetea ilicis nella costa tirrenica della Basilicata e Calabria settentrionale (Italia meridionale). Colloques Phytosociologiques XXVIII: 561-575. CANEVA G., CUTINI M., BUTERA M., CANCELLIERI L., 2008. Carta delle serie di vegetazione del territorio di Maratea (Basilicata). Scala 1:25.000. Gangemi Ed., Roma. CANEVA G., DE MARCO G., FASCETTI S., 2004b. La vegetazione a Juniperus phoenicea L. ssp. turbinata (Guss.) Nyman della costa tirrenica della Basilicata e della Calabria settentrionale (Italia meridionale). Colloques Phytosociologiques XXVIII: 577-589. CANEVA G., DE MARCO G., PONTRANDOLFI M.A., 1997. Le formazioni ad Euphorbia dendroides L. lungo un transetto dalla costa ai rilievi appenninici del complesso lucano-salernitano. Fitosociologia 32: 145-152. CANEVA G., FASCETTI S., GALOTTA G., 1997. Aspetti bioclimatici e vetazionali della costa tirrenica della Basilicata. Fitosociologia, 34: 171-188. CAROBENE & DAI PRA, 1991. Middle and Opper Pleistocene sea level highstands along the Tyrrhenian coast of Basilicata (Southern Italy). Il Quaternario, 4: 173-202 CICOGNA F., BIANCHI C. N., FERRAI G., FORTI P. , 2003. Grotte marine - Cinquant'anni di ricerca in Italia. COLANTONI P., GABBIANELLI G., RIZZO V., PIERGIOVANNI A., 1997. Prosecuzione a mare delle strutture deformative della Valle di Maratea (Basilicata) e recente evoluzione dell'antistante piattaforma continentale. Geogr. Fis. Dinam. Quat., 20: 51-60 COTECCHIA V., D'ECCLESIIS G., POLEMIO M., 1990. Studio geologico e idrogeologico dei Monti di Maratea. Geologia appl. Idrogeologia, 25: 139-179. D'ECCLESIS G., GRASSI D., SDAO F., 1993. Espandimenti laterali in corrispondenza di due opposti versanti dei Monti di Maratea (Basilicata). Atti del 2° Convegno Internazionale di Geoidrologia: 1-17. FASCETTI S., 1997. I cespuglietti ad Erica multiflora L. della Basilicata. Fitosociologia 32: 135-144. FASCETTI S. & NAVAZIO G., 2007. Specie protette, vulnerabili e rare della flora lucana. Regione Basilicata, 193pp. FULCO E. et al., 2008. Check list degli Uccelli della Basilicata. Riv.Ital.Ornitologia 78 (1): 13-27. FUSCO V., 1954. Speleologia lucana. Rassegna Speleologica Italiana 8(1): 29-33. GUALA I. & COPPA S., 2008. Relazione sui risultati dei rilevamenti bionomici subacquei effettuati lungo la costa di Maratea. IAMC Rapporto tecnico. IAMONICO D., 2006. Note floristiche per la Basilicata. Delpinoa 48: 21-27. ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA, SEDE REGIONALE PER LA BASILICATA, 2006. Carta forestale della Basilicata - Atlante. INEA, Lavello (PZ), 100 pp LUCCHESE F., PETRI A., CANEVA G., 2004. Nuove acquisizioni per la flora della Basilicata della fascia costiera tra Sapri e la Foce del Noce. Inf.Bot.Ital. 36 (1): 53-62. PALLADINI A., 2009. Censimento della Chirotterofauna in sei S.I.C. della Regione Basilicata Relazione finale - novembre 2009 RICCIARDI M., 1973. Nuove stazioni di Primula palinuri Petagna lungo la costa tirrenica meridionale. Webbia 28 (2): 417-421. SCOPPOLA A. & SPAMPINATO G. (Eds.), 2007. Atlante delle specie a rischio di estinzione. CD-ROM, in SCOPPOLA A. & BLASI C. (Eds.), Stato delle conoscenze sulla flora vascolare d'Italia. Palombi Ed., Roma. SIGNORELLO P., 1985. Osservazioni fitosociologiche su alcuni aspetti boschivi dei Quercetalia ilicis dell'Italia meridionale. Not.Fitosoc. 19 (1): 177-192.

5. SITE PROTECTION STATUS

Back to top

5.1 Designation types at national and regional level:

Code Cover [%]
IT1190.00
IT1390.00

5.2 Relation of the described site with other sites:

Designated at national or regional level:

Type code Site name Type Cover [%]
IT11Area panoramica costiera sita nel comune di Maratea*90.00

Designated at international level:

Type Site name Type Cover [%]
Other Area panoramica costiera sita nel comune di Maratea*90.00

5.3 Site designation (optional)

Per quanto riguarda la parte a mare, il sito rientra secondo la legge 394/91 nell'area di reperimento denominata "Costa di Maratea".

6. SITE MANAGEMENT

Back to top

6.2 Management Plan(s):

An actual management plan does exist:

Yes
No, but in preparation
X
No

 

7. MAP OF THE SITE

Back to top No data

SITE DISPLAY