Database release:
SDF
NATURA 2000 - STANDARD DATA FORM

For Special Protection Areas (SPA),
Proposed Sites for Community Importance (pSCI),
Sites of Community Importance (SCI) and
for Special Areas of Conservation (SAC)

TABLE OF CONTENTS

1. SITE IDENTIFICATION

Back to top

1.1 Type

B

1.2 Site code

IT9330184

1.3 Site name

Scogliera di Staletti

1.4 First Compilation date

1997-02

1.5 Update date

2017-12

1.6 Respondent:

Name/Organisation:Regione Calabria – Dipartimento Politiche dell’Ambiente
Address:               
Email:dipartimento.ambiente@pec.regione.calabria.it
Date site proposed as SCI:1998-12
Date site confirmed as SCI: No data
Date site designated as SAC:2017-06
National legal reference of SAC designation:DM 27/06/2017 - G.U. 166 del 18-07-2017

2. SITE LOCATION

Back to top

2.1 Site-centre location [decimal degrees]:

Longitude:16.570833
Latitude:38.760278

2.2 Area [ha]

21.0000

2.3 Marine area [%]

0.0000

2.4 Sitelength [km]:

3.00

2.5 Administrative region code and name

NUTS level 2 code Region Name
ITF6Calabria

2.6 Biogeographical Region(s)

Mediterranean (100.00 %)

3. ECOLOGICAL INFORMATION

Back to top

3.1 Habitat types present on the site and assessment for them

Annex I Habitat types Site assessment
Code PF NP Cover [ha] Cave [number] Data quality A|B|C|D A|B|C
      RepresentativityRelative SurfaceConservationGlobal
1210  info      0.21  0.00   
1240  info      6.23  0.00   
5330  info      7.27  0.00   
6220  info      1.87  0.00   
8210  info      3.12  0.00   
  • PF: for the habitat types that can have a non-priority as well as a priority form (6210, 7130, 9430) enter "X" in the column PF to indicate the priority form.
  • NP: in case that a habitat type no longer exists in the site enter: x (optional)
  • Cover: decimal values can be entered
  • Caves: for habitat types 8310, 8330 (caves) enter the number of caves if estimated surface is not available.
  • Data quality: G = 'Good' (e.g. based on surveys); M = 'Moderate' (e.g. based on partial data with some extrapolation); P = 'Poor' (e.g. rough estimation)

3.2 Species referred to in Article 4 of Directive 2009/147/EC and listed in Annex II of Directive 92/43/EEC and site evaluation for them

Species Population in the site Site assessment
G Code Scientific Name S NP T Size Unit Cat. D.qual. A|B|C|D A|B|C
      MinMax  Pop.Con.Iso.Glo.
BA227Apus pallidus           
I1088Cerambyx cerdo           
P1468Dianthus rupicola           
BA103Falco peregrinus       
BA096Falco tinnunculus           
BA281Monticola solitarius           
  • Group: A = Amphibians, B = Birds, F = Fish, I = Invertebrates, M = Mammals, P = Plants, R = Reptiles
  • S: in case that the data on species are sensitive and therefore have to be blocked for any public access enter: yes
  • NP: in case that a species is no longer present in the site enter: x (optional)
  • Type: p = permanent, r = reproducing, c = concentration, w = wintering (for plant and non-migratory species use permanent)
  • Unit: i = individuals, p = pairs or other units according to the Standard list of population units and codes in accordance with Article 12 and 17 reporting (see reference portal)
  • Abundance categories (Cat.): C = common, R = rare, V = very rare, P = present - to fill if data are deficient (DD) or in addition to population size information
  • Data quality: G = 'Good' (e.g. based on surveys); M = 'Moderate' (e.g. based on partial data with some extrapolation); P = 'Poor' (e.g. rough estimation); VP = 'Very poor' (use this category only, if not even a rough estimation of the population size can be made, in this case the fields for population size can remain empty, but the field "Abundance categories" has to be filled in)

3.3 Other important species of flora and fauna (optional)

Species

Population in the site

Motivation

Group CODE Scientific Name S NP Size Unit Cat. Species Annex Other categories
     MinMax C|R|V|PIVVABCD
5670Hierophis viridiflavus                   
Limonium calabrum Brullo                   
1250Podarcis sicula                   
  • Group: A = Amphibians, B = Birds, F = Fish, Fu = Fungi, I = Invertebrates, L = Lichens, M = Mammals, P = Plants, R = Reptiles
  • CODE: for Birds, Annex IV and V species the code as provided in the reference portal should be used in addition to the scientific name
  • S: in case that the data on species are sensitive and therefore have to be blocked for any public access enter: yes
  • NP: in case that a species is no longer present in the site enter: x (optional)
  • Unit: i = individuals, p = pairs or other units according to the standard list of population units and codes in accordance with Article 12 and 17 reporting, (see reference portal)
  • Cat.: Abundance categories: C = common, R = rare, V = very rare, P = present
  • Motivation categories: IV, V: Annex Species (Habitats Directive), A: National Red List data; B: Endemics; C: International Conventions; D: other reasons

4. SITE DESCRIPTION

Back to top

4.1 General site character

Habitat class % Cover
N0554.00
N0835.00
N099.00
N232.00

Total Habitat Cover

100

Other Site Characteristics

Il SIC Scogliera di Stalettì comprende il tratto di costa rocciosa del promontorio omonimo che si protende sullo Jonio interrompendo la continuità di costa bassa prevalente sul versante jonico calabrese. Le rocce di origine magmatica intrusiva (granito e quarzo-diorite) sono intruse da filoni di pegmatiti e sono coperte da modesti depositi di rocce sedimentarie di calcari evaporitici di età messiniana e conglomerati-sabbiosi recenti. La morfologia aspra del promontorio contrasta con le dolci forme del paesaggio circostante costituito da rocce sedimentarie facilmente erodibili. Il sito comprende la stretta fascia costiera (dal livello del mare fino a circa 70 m di quota) del promontorio roccioso di Copanello (376 m) inciso a nord dal Torrente Alessi e su cui sono posti gli abitati di Squillace e Stalettì. Si tratta di una alta falesia rocciosa prevalentemente granitica, che interrompe in modo brusco la continuità delle spiagge della costa orientale della provincia catanzarese. Le zone del sito con vegetazione spontanea sono caratterizzate da un mosaico di fitocenosi differenti: comunità a Dianthus rupicola e a Capparis spinosa sulle falesie più ripide, garighe ad Euphorbia dendroides e Artemisia arborescens sulle rupi meno scoscese, comunità igrofile ad Adianthum capillus-veneris dove si verificano stillicidi. I tratti più prossimi al mare ospitano comunità alofile a Crithmum maritimum, Inula crithmoides e Limonium calabrum. Più al riparo dagli spruzzi dacqua la scogliera ospita comunità a Matthiola incana, Matthiola sinuata, Lotus cytisoides le cui fioriture appariscenti rendono ancora più suggestivo questo ambiente. Si tratta di comunità estremamente specializzate, capaci di resistere ai costanti spruzzi di acqua marina, e molte sono le specie ad habitus succulento, risultato di un adattamento estremo allaridità fisiologica determinata dalle alte concentrazioni di sale. Queste comunità vengono inquadrate nella classe Crithmo-Limonietea e, nel sito in questione, sono caratterizzate dalla presenza di Limonium calabrum, endemismo calabrese differenziatosi dal gruppo del L. minutiflorum. Lassociazione Limonietum calabri Bartolo, Brullo & Signorello 1989, nota per la Calabria meridionale, è presente anche sulla costa tirrenica presso Capo Vaticano e Costa Viola (Bartolo & al., 1989). Il complesso di vegetazione delle rupi è in genere caratterizzato dalla dominanza di specie legnose a portamento pulvinare o strisciante, con rizomi e radici lignificati capaci di aprirsi un varco negli anfratti della roccia. La diversa inclinazione, la quantità di detrito incoerente e leventuale percolazione di acqua danno origine ad un mosaico di fitocenosi differenti: comunità a Dianthus rupicola e a Capparis spinosa sulle falesie più ripide, garighe ad Euphorbia dendroides e Artemisia arborescens sui pendii meno acclivi, comunità igrofile ad Adianthum capillus-veneris dove si verificano stillicidi, e cenosi sciafile ad Umbilicus rupestris e varie specie di muschi nei tratti più ombreggiati. Le comunità a Dianthus rupicola sono ascrivibili allalleanza Dianthion rupicolae della classe Asplenietea trichomanis, ben rappresentata sulle falesie della costa calabra tirrenica, ma molto più rara sul versante ionico. Sulle rupi costiere si rinviene inoltre una vegetazione arbustiva caratterizzata dalla dominanza di specie sempreverdi sclerofille legate ad un bioclima mediterraneo. Queste formazioni rientrano nella classe dei Quercetea ilicis ed ordine Pistacio-Rhamnetalia alterni. Le formazioni presenti rientrano nellalleanza Oleo- Ceratonion Rivas Martinez 1975 in cui rientrano gli aspetti di macchia termo-xerofila. Tra le specie caratteristiche si annoverano: Asparagus albus, Euphorbia dendroides, Teucrium fruticans. Bianco et al. (1984) inquadrano le comunità ad Euphorbia dendroides del promontorio di Copanello nellassociazione Oleo-Euphorbietum dendroidis Trinajstic 1973.

4.2 Quality and importance

Tracce storiche recenti di nidificazione di Caretta caretta, presenza di specie vegetali rare delle rupi marittime. Oltre allindubbio valore paesaggistico, il sito include habitat e specie rari nel resto della costa jonica della Calabria ed in particolare ospita una delle due popolazioni di Dianthus rupicola di questo tratto di costa. Tale specie, infatti, è più frequente sul versante tirrenico (Costa Viola, Isola di Dino, Scogliera dei Rizzi, ecc.) anche se con ampie discontinuità, mentre diventa estremamente rara sulla costa jonica. Le rupi marittime ospitano inoltre lunica popolazione jonica di Limonium calabrum, endemismo puntiforme presente anche sulla Costa Viola. La tutela di questo tratto costiero è significativa anche in considerazione del fatto che si tratta di unarea ad intenso sfruttamento turistico.

4.4 Ownership (optional)

Type[%]
PublicNational/Federal0
State/Province0
Local/Municipal0
Any Public0
Joint or Co-Ownership0
Private0
Unknown0
sum100

4.5 Documentation

Bartolo G., Brullo S., Signorello P., 1989 - La classe Crithmo-Limonietea nella Penisola Italiana. Coll. Phytosoc. XIX: 55-69. Bianco P. & Medagli P., 1984 – Contributo allo studio delle stazioni di Euphorbia dendroides L. di Copanello e Stalettì della provincia di Catanzaro. Ann. Facoltà di Agr. Univ. Bari. Vol. XXXIII: 271-276. Bianco P., Medagli P., Bedalov M., 1984 – Studio fitosociologico delle stazioni di Euphorbia dendroides L. del litorale jonico calabrese: Copanello-Stalettì della provincia di Catanzaro. Ann. Facoltà di Agr. Univ. Bari. Vol. XXXIII: 277-281. Caruso G., 2009 – The endemic Limonium calabrum (Plumbaginaceae): population survey at Copanello (Calabria, S Italy). – In: Ivanova D. (ed.), 2009 – Plant, fungal and habitat diversity investigation and conservation. Proceedings of IV Balkan Botanical Congress. Sofia. Bulgaria 20–26 June 2006. 583–589. Institute of Botany, Sofia. ISBN 978-954-9746-14-3. Uzunov D., Caruso G. & Gangale C., 2010 – Limonium calabrum Brullo. Schede per una Lista Rossa della Flora vascolare e crittogamica Italiana. Inf. Bot. Ital., 42(2), pp. 574 – 575. Piano di Gestione dei Siti di Importanza Comunitaria (SIC), Nazionale (SIN) e Regionale (SIR) della Rete “Natura 2000” nella Provincia di Catanzaro – Relazioni e allegati cartografici. Provincia di Catanzaro.

5. SITE PROTECTION STATUS

Back to top

5.1 Designation types at national and regional level:

Code Cover [%]
IT00100.00

6. SITE MANAGEMENT

Back to top

6.1 Body(ies) responsible for the site management:

Organisation:Provincia di Catanzaro
Address:
Email:

6.2 Management Plan(s):

An actual management plan does exist:

X
Yes Name: Piano di Gestione dei Siti di Importanza Comunitaria (SIC), Nazionale (SIN) e Regionale (SIR) della Rete “Natura 2000” nella Provincia di Catanzaro. Provincia di Catanzaro.
Link: http://www.regione.calabria.it/ambiente/index.php?option=com_content&task=view&id=194&Itemid=80

No, but in preparation
No

6.3 Conservation measures (optional)

Da proporre

 

7. MAP OF THE SITE

Back to top No data

SITE DISPLAY