Database release:
SDF
NATURA 2000 - STANDARD DATA FORM

For Special Protection Areas (SPA),
Proposed Sites for Community Importance (pSCI),
Sites of Community Importance (SCI) and
for Special Areas of Conservation (SAC)

TABLE OF CONTENTS

1. SITE IDENTIFICATION

Back to top

1.1 Type

C

1.2 Site code

IT9220135

1.3 Site name

Gravine di Matera

1.4 First Compilation date

1995-06

1.5 Update date

2017-01

1.6 Respondent:

Name/Organisation:Regione Basilicata Dip. Ambiente, Territorio e Politiche della Sostenibilità Ufficio Tutela della Natura
Address:               
Email:

1.7 Site indication and designation / classification dates

Date site classified as SPA:1998-11
National legal reference of SPA designationD.G.R. n. 978 del 4 giugno 2003
Date site proposed as SCI:1995-09
Date site confirmed as SCI:2006-07
Date site designated as SAC:2013-09
National legal reference of SAC designation:DM 16/09/2013 - G.U. 226 del 26-09-2013

2. SITE LOCATION

Back to top

2.1 Site-centre location [decimal degrees]:

Longitude:16.666900
Latitude:40.650300

2.2 Area [ha]

6968.0000

2.3 Marine area [%]

0.0000

2.4 Sitelength [km]:

0.00

2.5 Administrative region code and name

NUTS level 2 code Region Name
ITF5Basilicata

2.6 Biogeographical Region(s)

Mediterranean (100.00 %)

3. ECOLOGICAL INFORMATION

Back to top

3.1 Habitat types present on the site and assessment for them

Annex I Habitat types Site assessment
Code PF NP Cover [ha] Cave [number] Data quality A|B|C|D A|B|C
      RepresentativityRelative SurfaceConservationGlobal
5210  info      69.68  0.00 
6220  info      69.68  0.00 
62A0  info      1533.07  0.00 
8210  info      139.37  0.00 
8310  info      69.68  0.00 
9250  info      69.68  0.00 
92A0  info      69.68  0.00 
9340  info      348.42  0.00 
  • PF: for the habitat types that can have a non-priority as well as a priority form (6210, 7130, 9430) enter "X" in the column PF to indicate the priority form.
  • NP: in case that a habitat type no longer exists in the site enter: x (optional)
  • Cover: decimal values can be entered
  • Caves: for habitat types 8310, 8330 (caves) enter the number of caves if estimated surface is not available.
  • Data quality: G = 'Good' (e.g. based on surveys); M = 'Moderate' (e.g. based on partial data with some extrapolation); P = 'Poor' (e.g. rough estimation)

3.2 Species referred to in Article 4 of Directive 2009/147/EC and listed in Annex II of Directive 92/43/EEC and site evaluation for them

Species Population in the site Site assessment
G Code Scientific Name S NP T Size Unit Cat. D.qual. A|B|C|D A|B|C
      MinMax  Pop.Con.Iso.Glo.
BA086Accipiter nisus           
BA247Alauda arvensis           
BA247Alauda arvensis           
BA229Alcedo atthis    10  10           
BA053Anas platyrhynchos           
BA255Anthus campestris           
BA226Apus apus           
BA227Apus pallidus           
M1308Barbastella barbastellus    200  200     
A5357Bombina pachipus           
BA215Bubo bubo           
BA215Bubo bubo           
BA133Burhinus oedicnemus           
BA133Burhinus oedicnemus           
BA087Buteo buteo           
BA243Calandrella brachydactyla           
BA224Caprimulgus europaeus           
I1088Cerambyx cerdo           
BA030Ciconia nigra       
BA080Circaetus gallicus       
BA083Circus macrourus                 
BA206Columba livia    200  200     
BA208Columba palumbus           
BA231Coracias garrulus           
BA350Corvus corax           
BA212Cuculus canorus           
BA237Dendrocopos major    20  20     
R1279Elaphe quatuorlineata                 
R1293Elaphe situla           
BA382Emberiza melanocephala           
R1220Emys orbicularis           
BA101Falco biarmicus           
BA101Falco biarmicus       
BA095Falco naumanni    1000  1000     
BA103Falco peregrinus       
BA096Falco tinnunculus           
BA123Gallinula chloropus    100  100     
BA251Hirundo rustica           
BA338Lanius collurio           
BA339Lanius minor           
BA341Lanius senator           
BA246Lullula arborea           
M1355Lutra lutra           
I1062Melanargia arge           
BA242Melanocorypha calandra           
BA230Merops apiaster           
BA073Milvus migrans       
BA074Milvus milvus       
M1310Miniopterus schreibersii           
BA281Monticola solitarius           
M1307Myotis blythii           
M1316Myotis capaccinii           
M1324Myotis myotis    200  200     
BA077Neophron percnopterus       
BA278Oenanthe hispanica           
BA337Oriolus oriolus           
BA214Otus scops           
BA072Pernis apivorus           
BA235Picus viridis           
M1304Rhinolophus ferrumequinum           
M1303Rhinolophus hipposideros           
P1883Stipa austroitalica           
BA210Streptopelia turtur           
BA303Sylvia conspicillata           
BA305Sylvia melanocephala    100  100     
R1217Testudo hermanni           
A1167Triturus carnifex           
BA232Upupa epops           
  • Group: A = Amphibians, B = Birds, F = Fish, I = Invertebrates, M = Mammals, P = Plants, R = Reptiles
  • S: in case that the data on species are sensitive and therefore have to be blocked for any public access enter: yes
  • NP: in case that a species is no longer present in the site enter: x (optional)
  • Type: p = permanent, r = reproducing, c = concentration, w = wintering (for plant and non-migratory species use permanent)
  • Unit: i = individuals, p = pairs or other units according to the Standard list of population units and codes in accordance with Article 12 and 17 reporting (see reference portal)
  • Abundance categories (Cat.): C = common, R = rare, V = very rare, P = present - to fill if data are deficient (DD) or in addition to population size information
  • Data quality: G = 'Good' (e.g. based on surveys); M = 'Moderate' (e.g. based on partial data with some extrapolation); P = 'Poor' (e.g. rough estimation); VP = 'Very poor' (use this category only, if not even a rough estimation of the population size can be made, in this case the fields for population size can remain empty, but the field "Abundance categories" has to be filled in)

3.3 Other important species of flora and fauna (optional)

Species

Population in the site

Motivation

Group CODE Scientific Name S NP Size Unit Cat. Species Annex Other categories
     MinMax C|R|V|PIVVABCD
Aceras antropophorum                   
Aegilops uniaristata                   
Allium atroviolaceum                   
Anacamptis pyramidalis                   
Anthemis hydruntina                   
Arum apulum                   
Asyneuma limonifolium                   
Athamantha sicula                   
Barlia robertiana                   
Biarum tenuifolium                   
2361Bufo bufo                   
1201Bufo viridis                   
Campanula versicolor                   
Carum multiflorum                   
Centaurea apula                   
Centaurea centaurium                   
Centaurea subtilis                   
1284Coluber viridiflavus                     
2591Crocidura leucodon                     
2593Crocidura suaveolens                     
6154Cyrtodactylus kotschyi                     
Dictamus albus                   
1327Eptesicus serotinus                     
2590Erinaceus europaeus                   
Euphorbia apios                   
Euphorbia dendroides                   
Euphorbia wulfenii                   
2382Hemidactylus turcicus                     
1203Hyla arborea                     
Hyla intermedia                   
5365Hypsugo savii                     
1344Hystrix cristata                     
Iris collina                   
Juniperus phoenicea ssp. turbinata                   
5179Lacerta bilineata                     
Lepus capensis      40               
Linum tommasinii                   
Martes foina                   
Meles meles                   
1341Muscardinus avellanarius                     
Mustela nivalis                   
2469Natrix natrix                   
Nerium oleander                   
Ophrys apulica                   
Ophrys bertolonii                   
Ophrys bombyliflora                   
Ophrys exaltata subsp. mateolana                   
Ophrys fusca                   
Ophrys oxyrrhynchos ssp. celiensis                   
Ophrys parvimaculata                   
Ophrys sphegodes subsp. incubacea                   
Ophrys sphegodes subsp. sphegodes                   
Ophrys tarentina                   
Orchis coriophora subsp. fragrans                   
Orchis italica                   
Orchis lactea                   
Orchis morio                   
Orchis papilionacea                   
Orchis tridentata                   
Paeonia mascula                   
PALIURUS SPINA CHRISTI MILLER                   
Papilio hospiton                   
Phlomis fruticosa                   
2016Pipistrellus kuhlii                   
1309Pipistrellus pipistrellus                   
1250Podarcis sicula                   
Polygonum tenoreanum                   
Portenschlagiella ramosissima                   
Quercus macrolepis                     
Quercus trojana                   
Quercus virgiliana                   
Saga pedo                   
Salvia argentea                   
Satureja cuneifolia                   
Scabiosa argentea                   
Scrophularia lucida                   
Serapias lingua                   
Serapias parviflora                   
Serapias vomeracea                   
Spiranthes spiralis                   
1333Tadarida teniotis                     
Tamarix gallica                   
2386Tarentola mauritanica                     
Valeriana tuberosa                   
Vicetoxicum hirundinaria ssp. adriaticum                   
2471Vipera aspis                     
1053Zerynthia polyxena                   
  • Group: A = Amphibians, B = Birds, F = Fish, Fu = Fungi, I = Invertebrates, L = Lichens, M = Mammals, P = Plants, R = Reptiles
  • CODE: for Birds, Annex IV and V species the code as provided in the reference portal should be used in addition to the scientific name
  • S: in case that the data on species are sensitive and therefore have to be blocked for any public access enter: yes
  • NP: in case that a species is no longer present in the site enter: x (optional)
  • Unit: i = individuals, p = pairs or other units according to the standard list of population units and codes in accordance with Article 12 and 17 reporting, (see reference portal)
  • Cat.: Abundance categories: C = common, R = rare, V = very rare, P = present
  • Motivation categories: IV, V: Annex Species (Habitats Directive), A: National Red List data; B: Endemics; C: International Conventions; D: other reasons

4. SITE DESCRIPTION

Back to top

4.1 General site character

Habitat class % Cover
N061.00
N0835.00
N0922.00
N161.00
N171.00
N185.00
N221.00
N232.00
N2732.00

Total Habitat Cover

100

Other Site Characteristics

CARATTERI CLIMATICI. Larea della Murgia materana ricade in una fascia climatica di tipo mediterraneo semiarido, caratterizzata da una certa incostanza delle precipitazioni idrometeoriche e delle temperature. Considerando i dati relativi alla stazione di Matera (1921-1980), è stato possibile valutare una media annua di precipitazioni pari a 574 mm, con una punta massima annua di 1031 mm (1972) ed una minima di 405 mm (1961). Le piogge non sono uniformemente ripartite nellarco dellanno, risultando concentrate prevalentemente nel periodo ottobre-gennaio, mentre nei mesi di luglio ed agosto tendono a ridursi notevolmente (con lunghi periodi caratterizzati da assenza totale di pioggia). Dal punto di vista bioclimatico possiamo far rientrare il territorio di Matera allinterno di un Mesomediterraneo umido-subumido (con carattere semicontinentale di transizione), caratterizzato da unescursione termica di 18,6 °C, temperature elevate che si possono registrare nel mese di agosto (30,7 °C), con temperature minime che raggiungono un picco minimo a gennaio (3,05 °C)(cfr. Piano di gestione del Parco). CARATTERI GEOLOGICI e GEOMORFOLOGICI. Il territorio esaminato si configura come un altopiano calcareo interposto tra i territori della Puglia e della Basilicata. I terreni più antichi, che costituiscono lossatura dell'area, appartengono alla Formazione del Calcare di Altamura (Cretaceo superiore), che affiora, più o meno estesamente, sia nelle aree più elevate della Murgia materana, quanto sui bordi di quest'ultima anche a quote basse, nella Gra¬vina di Matera e in corrispondenza delle incisioni che solcano la zona. Essa è composta soprattutto da calcari micritici laminati e da calcari con abbondanti resti di Rudiste (BOENZI et al., 1971), deposti in un ambiente marino poco profon¬do, corrispondente al dominio paleogeografico della Piatta¬forma carbonatica apula, che è stata interessata da dislocazioni tettoniche che ne hanno determinato l'emersione e successivamente lo smembramento in grandi blocchi. L'emersione ha prodotto diffusi fenomeni carsici superficiali e profondi e, nellambito dei singoli blocchi fratturati e sollevati, si è avuta la formazione di grandi ripiani e di scarpate più o meno modellate degli agenti idrometrici. La rete principale di fratturazione si sviluppa secondo direttrici sia appenniniche WNW-ESE che antiappenniniche ENE-SSW, secondo quanto evidenziato da MARTINIS (1961). I blocchi calcarei cretacei che si sono ribassati nel lato ovest dellarea, hanno costituito il substrato di un grande bacino marino noto come Fossa Bradanica, che ha occupato larea racchiusa tra le Murge e la catena appenninica, in destra del corso fluviale del Basento. Uno dei blocchi del Calcare di Altamura forma la Murgia di Matera-Laterza, ove ricade il SIC che, rappre¬senta un Horst delimitato a N e a SW da elevate pareti, che si immergono quasi improvvisamente sotto i depositi argilloso sabbioso conglomeratici della Fossa Bradanica e del Graben di Viglione, elemento questultimo che lo se¬para dalle Murge pugliesi. Lungo le pareti sono, infatti, ben visibili numerose faglie dirette con rigetti piuttosto modesti, dellordine di qualche metro, mentre una fitta rete di frattu¬re è presente ovunque il calcare affiora, assumendo un orientamento parallelo ai principali lineamenti tettonici. I bordi dellHorst sono a diretto contato con le aree ove affiorano i terreni plio-pleistoceni della Fossa bradanica, più esposti e soggetti a processi erosivi. Essi sono costituiti da vari terreni che, a partire dal basso verso lalto, sono la Calcarenite di Gravina, cui seguono le Argille subappennine e successivamente le Sabbie di Monte Marano ed in chiusura il Conglo¬merato di Irsina. La Calcarenite di Gravina (Plioce¬ne superiore - Pleistocene inferiore), nota localmente come tufo calcareo è costituita da depositi sabbiosi e calcarenitici caratteristici di un ambiente marino litorale. In prossimità del contatto con il substrato creta¬ceo si possono anche rinvenire livelli di conglo¬merati e microconglomerati calcarei. Nell'area del SIC la Calcarenite di Gravina affiora este¬samente sui bordi della Murgia materana, con spessori anche superiori a 50 metri e caratterizza i rioni Sas¬si di Matera. È riconoscibile anche lungo nu¬merose incisioni, al di sopra della Formazione del Calcare di Altamura e nelle numerose cave coltivate per l'estra¬zione di conci di tufo utilizzati per la costruzione dellantica città ed ubicate soprattutto lungo la S.S. n° 7 in direzione di Laterza. Alla fine del Pliocene si sono depositati nellarea sedimenti prevalentemente argillosi di ambiente più profondo denominati Argille subappennine rilevate soprattutto nell'area della Fossa Bradanica e del Graben di Viglione, mentre piccoli lembi affiorano anche sulla Murgia materana a quote non molto elevate. A chiusura del ciclo si rinvengono le Sabbie di Monte Marano ed il Conglomerato di Irsina del Pleistocene medio, che sono presenti in piccoli lembi nell'area urbana di Matera, dal Castello alla Colonia elioterapica e nella parte più elevata di Serra Venerdì. Questi depositi sono caratterizzati da sedimenti sabbioso-ciottolosi esposti in numerosi affioramenti. Dal punto di vista geomorfologico, larea può essere ripartita in due settori: il primo, che occupa la parte centrale della zona, assume un aspetto tipico dei rilievi rocciosi, con fianchi scoscesi ed una sommità pressoché sub orizzontale; il secondo è caratterizzato da forme generalmente più dolci perché ricadenti su aree argilloso-sabbiose spesso esposte allerosione diffusa. Nellambito del massiccio calcareo sono osservabili scarpate erosive create da superfici di antiche faglie, mentre nella sommità sono evidenti forme di tipo carsico, quali ripiani, depressioni, solchi erosivi e doline di piccole dimensioni. Altro elemento morfologico è rappresentato da solchi erosivi localmente indicati col termine di lame, depressioni con fianchi poco acclivi e fondo piatto generalmente occupato da terra rossa. Queste si differenziano quindi dalle vere e proprie gravine che hanno pareti verticali e profili a V stretta, come la Gravina di Matera dove si manifestano fenomeni di frana per crollo di elementi calcarei fratturati. Il secondo settore, ubicato nel margine sud-occidentale dellarea, sino nei pressi dellabitato di Montescaglioso, è occupato da terreni argilloso-sabbioso-conglomeratici facilmente erodibili, assume un aspetto tipicamente collinare, con fenomeni di modellamento dei versanti, sia superficiali che profondi, che si manifestano mediante colamenti, colate e scorrimenti roto-traslazionali.

4.2 Quality and importance

Il SIC Gravine di Matera costituisce un territorio di straordinario interesse naturalistico e paesaggistico, in quanto fortemente caratterizzato dal un punto di vista ambientale dati i tratti litologici e morfologici che hanno determinato la caratteristica conformazione di gola (gravina), alternando un sistema pseudo-pianeggiante a uno fortemente inciso. Larea del SIC risulta caratterizzata prevalentemente da rupi, estese formazioni prative (prevalentemente secondarie) e da frammenti forestali (querceti semicaducifogli a dominanza di fragno). Presenta una variazione altimetrica limitata (quota massima 516 m s.l.m.) e ospita 8 habitat (di cui 1 prioritario), su una superficie pari a circa 6968,49 ha. Con il presente aggiornamento sono stati individuati 8 nuovi habitat (rispetto ai dati del 2003) considerando che gli habitat segnalati nel precedente formulario (6210 e 6310) sono stati reinterpretati (rispettivamente nel 62A0, 9250 e 9340) grazie alle aumentate conoscenze floristiche e vegetazionali di questo territorio negli ultimi anni (MEDAGLI & GAMBETTA, 2003; DI PIETRO & MISANO, 2009). Di particolare interesse la vegetazione rupicola con le preziose stazioni di Centaurea centaurium (endemica), Carum multiflorum, Campanula versicolor e Portenschlagiella ramosissima (tutte di notevole interesse fitogeografico e protette a scala regionale); segue per importanza la vegetazione prativa, prevalentemente caratterizzata da praterie steppiche estremamente ricche dal punto di vista floristico, molto spesso configurate in forme di mosaico in cui convivono popolamenti terofitici, camefitici ed emicriptofitici. I pascoli di ampie superfici del SIC risultano caratterizzati da Stipa austroitalica (elencata tra le specie dellAllegato II della Direttiva 43/92/CEE), che caratterizza una forma di vegetazione seminaturale ampiamente diffusa nellarea, legata a forme di coesistenza tra il disturbo arrecato dal pascolamento del bestiame ed il naturale dinamismo delle cenosi prative. Tali contesti vegetazionali sono interpretabili allinterno dellhabitat 62A0 (Formazioni erbose secche della regione sub mediterranea orientale (Scorzoneretalia villosae)) che contraddistingue praterie xeriche submediterranee ad impronta balcanica, in cui sono presenti diverse specie di elevato interesse tra cui diverse entità dei generi Ophrys ed Orchis. Tra le altre specie floristiche di notevole interesse conservazionistico presenti entro il SIC si segnalano Juniperus phoenicea ssp. turbinata, considerata rara e vulnerabile in Basilicata, Quercus macrolepis, Q.trojana e Q.virgiliana, da considerarsi estremamente localizzate e vulnerabili a scala regionale (FASCETTI & NAVAZIO, 2007). Per quanto riguarda le diverse altre entità floristiche segnalate (Anthemis hydruntina, Linum tommasinii, Paeonia mascula, Polygonum tenoreanum, Nerium oleander, Dictamus albus, Salvia argentea, ed altre), trattasi di specie interessanti in quanto uniche stazioni regionali e/o taxa di interesse fitogeografico per lItalia meridionale. La presenza di habitat naturali e la loro sostanziale inaccessibilità (si pensi in particolare a quelli rupicoli), conferiscono al sito grande importanza anche dal punto di vista faunistico. Sono soprattutto gli ambienti rupicoli ad essere i più significativi a fini faunistici, con particolare riguardo allavifauna che risulta ben conosciuta (PALUMBO & RIZZI, 2000; FULCO et al., 2008). In questi ambienti trovano siti adatti per la nidificazione specie prioritarie quali: il Lanario (Falco biarmicus), il Falco pellegrino (Falco peregrinus), il Capovaccaio (Neophron percnopterus) e il Gufo reale (Bubo bubo). Non vanno dimenticati anche gli ambienti boschivi e prativi per la loro importanza come siti riproduttivi e trofici per specie di rilevante importanza conservazionistica come il Falco grillaio (Falco naumanni) presente nel periodo primaverile con una cospicua popolazione, il Nibbio reale (Milvus milvus), il Nibbio bruno (Milvus migrans), il Biancone (Circaetus gallicus), lOcchione (Burhinus oedicnemus), la Calandra (Melanocorypha calandra), e la Calandrella (Calandrella brachydactyla).

4.4 Ownership (optional)

Type[%]
PublicNational/Federal0
State/Province0
Local/Municipal0
Any Public0
Joint or Co-Ownership0
Private0
Unknown0
sum100

4.5 Documentation

BIANCO P., BRULLO S., MINISSALE P., SIGNORELLO G., SPAMPINATO G., 1998. Considerazioni fitosociologiche sui boschi a Quercus trojana Webb. Della Puglia (Italia meridionale). Studia Geobotanica 16: 33-38. BIANCO P., BRULLO S., PIGNATTI E., PIGNATTI S., 1988. La vegetazione delle rupi calcaree della Puglia. Braun-Blanquetia 2: 133-151. BIANCO P., MEDAGLI P., D’EMERICO S., 1989. Nuovi dati distributivi e osservazioni morfologiche su Aegylops uniaristata Vis. (Gramineae), entità mediterraneo-orientale riaccertata per la flora italiana. Webbia 43: 19-24. BIONDI E., CASAVECCHIA S., GUERRA V., MEDAGLI P., BECCARISI L., ZUCCARELLO V., 2004. A contribution towards the knowledge of semideciduous and evergreen woods of Apulia (south-eastern Italy). Fitosociologia 41 (1): 3-28. BOENZI F., RADINA B., RICCHETTI G & VALDUGA A., 1971. Note illustrative della Carta Geologica d’Italia, Foglio 201 “Matera” – Serv. Geol. It., Roma BOENZI F., PALMETOLA G. e VALDUGA A., 1976. Caratteri geomorfologici dell’area del F°201 “Matera” – Boll. Soc. Geol. It., 96, 527, - 566. Roma CALOIERO P., NICCOLI R., REALI C., 1993. Le precipitazioni in Basilicata (1921-1980). IRPI, Geodata 41, pag. 1.38. CECERE F., 1994. Relazione conoscitiva sull’avifauna presente nel Parco Storico Culturale delle Chiese Rupestri del materano. (L.R. n.11 del 3/4/1990). Inedito. CECERE F. & VICINI G., 2000. Micromammals in the diet of Long eared owl (Asio otus) at the WWF’s “Oasi San Giuliano (Matera, Italy). Hystrix (n.s.), 11: 47-53. CIARANFI N., MAGGIORE M., PIERI P., RAPISARDI L., RICCHETTI G. E WALSH N., 1979. Considerazioni sulla tettonica della Fossa bradanica. Pubbl. 251 Prog. Fin. Geodinamica del CNR, 73-95 CIARANFI N., MAGGIORE M., PIERI P., RAPISARDI L., RICCHETTI G. e WALSH N., 1979. Considerazioni sulla neotettonica della Fossa bradanica – Nuovi contr. Carta Neot. It., Pubbl. 251 Progr. Fin. Geodin., Napoli DI PIETRO R. & MISANO R., 2009. Analisi fitosociologica e considerazioni sin tassonomiche sulla vegetazione forestale dell Gravine occidentali dell’Arco Ionico (Murge pugliesi e lucane, Italia meridionale). Inf.Bot.Ital., 41 (2): 215-246. FASCETTI S., NAVAZIO G., 2007. Specie protette, vulnerabili e rare della flora lucana. Regione Basilicata, Dip.to Ambiente, Territorio e Politiche della Sostenibilità. 193pp. FORTE L., CARRUGGIO F., CURIONE F., MANTINO F., MACCHIA F., 2007. Conservazione in situ di Stipa austroitalica Martinovsky ssp. austroitalica, specie prioritaria dell’Allegato II della direttiva “Habitat”. Fitosociologia 44 (2), SUPPL. 1: 225-230. FULCO E. et al., 2008. Check list degli Uccelli della Basilicata. Riv.Ital.Ornitologia 78 (1): 13-27. MEDAGLI P., GAMBETTA G., 2003. Guida alla Flora del Parco. Collana Parcomurgia, Parco Reg.le della Murgia Materana. 271 pp. Matera. MISANO G. & DI PIETRO R., 2006. L’habitat 9250 “Boschi a Quercus trojana” in Italia. Fitosociologia 44 (2), suppl.1: 235-238. FONSECA C.D., 1970. Civiltà rupestre in Terra Jonica – Ed Bestetti, Roma. IANNONE A. & PIERI P., 1979. Considerazioni critiche sui “Tufi calcarei” delle Murge. Nuovi dati litostratigrafici e paleo ambientali. Geogr. Fis. DIn. Quat., 2, Torino. LIONETTI G., 1988. Osservazioni sui Rettili dell’agro materano. Bollettino del gruppo R.A.N.A. Italia, 1: 29-31. LUDOVICI A. A., CECERE F., MARCHETTI F. & VISCEGLIA M., 1994. Nuovi dati sulla presenza della Lontra (Lutra lutra) in Basilicata. Studi e Ricerche nel Sistema Aree Protette del WWF Italia, 2: 77-79. MARTINIS B., 1961. Sulla tettonica delle Murge Nord-occidentali. Rend. Acc. Naz. Lincei, s.8, 31, Roma PALUMBO G., 1997. Il Grillaio. Altrimedia Edizioni. Pp. 142, Matera. PALUMBO G., RIZZI V. & MALACARNE G., 1997. Contributo alla conoscenza di Biologia riproduttiva, distribuzione e consistenza della popolazione di Grillaio (Falco naumanni) dell’Italia peninsulare. Avocetta, 21 (2): 206-212. PALUMBO G. & RIZZI V., 2000. Check-list degli uccelli del Parco Regionale della Murgia Materana (Basilicata, Italy). PICUS, 26: 15-21. PIERI P., 1980. Principali caratteri geologici e morfologici delle Murge – Murgia sotterranea,II n. 2, Martina Franca RICCHETTI G., CIARANFI N., LUPERTO SINNI E., MONGELLI F. e PIERI P., 1988. Geodinamica ed evoluzione sedimentaria e tettonica dell’avampaese apulo. Mem. Soc. Geol. It., 41, 57-82 RIDOLA D., 1912. Brevi note sulla stazione preistorica della Grotta dei pipistrelli e della vicina Grotta della Funeraria. Tip.B.Conti, Matera, 76 pp. TROPEANO M., 1992. Aspetti geologici e geomorfologici della Gravina di Matera “Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri del Materano”. Itinerari Speleologici, II, 6, 19-33 TROPEANO M., 1994. Caratteri deposizionalii della calcarenite di gravina (Pliocene Superiore – Pleistocene Inferiore) sul bordo orientale della Fossa bradanica nell’area di Matera. Guida alle escursioni – Congresso Soc. Geol. It., Bari. Quaderni Bibl. Prov. Matera, 15, 67-86 ZAVA B., FIORE M. & C. VIOLANI, 1993. Studi sulla chirotterofauna lucana. 1. Dati preliminari. Supp. Ric. Biol. Selvagg. 21: 425-428.

5. SITE PROTECTION STATUS

Back to top

5.1 Designation types at national and regional level:

Code Cover [%]
IT11100.00

6. SITE MANAGEMENT

Back to top

6.1 Body(ies) responsible for the site management:

Organisation:Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri del Materano,
Address:
Email:

6.2 Management Plan(s):

An actual management plan does exist:

Yes
No, but in preparation
X
No

6.3 Conservation measures (optional)

DGR 30/2012 http://www.retecologicabasilicata.it/ambiente/site/portal/detail.jsp?sec=107282&otype=1012&id=10116

 

7. MAP OF THE SITE

Back to top No data

SITE DISPLAY