Database release:
SDF
NATURA 2000 - STANDARD DATA FORM

For Special Protection Areas (SPA),
Proposed Sites for Community Importance (pSCI),
Sites of Community Importance (SCI) and
for Special Areas of Conservation (SAC)

TABLE OF CONTENTS

1. SITE IDENTIFICATION

Back to top

1.1 Type

A

1.2 Site code

IT5120105

1.3 Site name

Bonifica della Gherardesca

1.4 First Compilation date

2017-05

1.5 Update date

2020-12

1.6 Respondent:

Name/Organisation:Regione Toscana - Direzione Ambiente ed Energia - Settore Tutela della Natura e del Mare
Address:               
Email:parchiareeprotette_biodiversita@regione.toscana.it

1.7 Site indication and designation / classification dates

Date site classified as SPA:2017-05
National legal reference of SPA designationDel.C.R. n.27 del 26/04/ 2017

2. SITE LOCATION

Back to top

2.1 Site-centre location [decimal degrees]:

Longitude:10.612000
Latitude:43.711000

2.2 Area [ha]

57.0000

2.3 Marine area [%]

0.0000

2.4 Sitelength [km] (optional):


No information provided

2.5 Administrative region code and name

NUTS level 2 code Region Name
ITE1Toscana

2.6 Biogeographical Region(s)

Mediterranean (100.00 %)

3. ECOLOGICAL INFORMATION

Back to top

3.1 Habitat types present on the site and assessment for them

Annex I Habitat types Site assessment
Code PF NP Cover [ha] Cave [number] Data quality A|B|C|D A|B|C
      RepresentativityRelative SurfaceConservationGlobal
3150  info      38.44  0.00 
6420  info      0.00 
6510  info      1.1  0.00 
91F0  info      1.37  0.00 
  • PF: for the habitat types that can have a non-priority as well as a priority form (6210, 7130, 9430) enter "X" in the column PF to indicate the priority form.
  • NP: in case that a habitat type no longer exists in the site enter: x (optional)
  • Cover: decimal values can be entered
  • Caves: for habitat types 8310, 8330 (caves) enter the number of caves if estimated surface is not available.
  • Data quality: G = 'Good' (e.g. based on surveys); M = 'Moderate' (e.g. based on partial data with some extrapolation); P = 'Poor' (e.g. rough estimation)

3.2 Species referred to in Article 4 of Directive 2009/147/EC and listed in Annex II of Directive 92/43/EEC and site evaluation for them

Species Population in the site Site assessment
G Code Scientific Name S NP T Size Unit Cat. D.qual. A|B|C|D A|B|C
      MinMax  Pop.Con.Iso.Glo.
BA229Alcedo atthis     
BA054Anas acuta    14   
BA056Anas clypeata    60   
BA052Anas crecca    926   
BA050Anas penelope    23   
BA053Anas platyrhynchos    50  1176   
BA053Anas platyrhynchos    50  1176   
BA055Anas querquedula    50   
BA051Anas strepera    20   
BA043Anser anser    50   
BA029Ardea purpurea     
BA024Ardeola ralloides    20   
BA059Aythya ferina    200   
BA061Aythya fuligula     
BA060Aythya nyroca    20   
BA021Botaurus stellaris           
BA224Caprimulgus europaeus    30    DD       
I1088Cerambyx cerdo          DD       
BA196Chlidonias hybridus           
BA197Chlidonias niger    14         
BA031Ciconia ciconia    17   
BA081Circus aeruginosus     
BA082Circus cyaneus     
BA208Columba palumbus    10  500   
BA347Corvus monedula    10  200    DD 
BA036Cygnus olor           
BA027Egretta alba    20   
BA026Egretta garzetta    50  212   
BA098Falco columbarius     
BA103Falco peregrinus     
BA125Fulica atra    20  323   
BA153Gallinago gallinago    10  400   
BA123Gallinula chloropus    30  100   
BA131Himantopus himantopus          DD       
BA131Himantopus himantopus    20   
BA022Ixobrychus minutus    10   
BA338Lanius collurio    10    DD       
BA338Lanius collurio          DD       
I1083Lucanus cervus          DD       
I1060Lycaena dispar          DD       
BA152Lymnocryptes minimus     
BA058Netta rufina     
BA160Numenius arquata           
BA023Nycticorax nycticorax          DD       
BA023Nycticorax nycticorax    20   
BA391Phalacrocorax carbo sinensis          DD       
BA140Pluvialis apricaria    50         
BA118Rallus aquaticus    11   
BA132Recurvirostra avosetta           
BA210Streptopelia turtur    50    DD 
BA351Sturnus vulgaris    50  1000    DD 
BA161Tringa erythropus    22   
BA166Tringa glareola    10  80   
BA164Tringa nebularia    100   
A1167Triturus carnifex          DD       
BA283Turdus merula    10  30    DD 
BA142Vanellus vanellus    2680   
  • Group: A = Amphibians, B = Birds, F = Fish, I = Invertebrates, M = Mammals, P = Plants, R = Reptiles
  • S: in case that the data on species are sensitive and therefore have to be blocked for any public access enter: yes
  • NP: in case that a species is no longer present in the site enter: x (optional)
  • Type: p = permanent, r = reproducing, c = concentration, w = wintering (for plant and non-migratory species use permanent)
  • Unit: i = individuals, p = pairs or other units according to the Standard list of population units and codes in accordance with Article 12 and 17 reporting (see reference portal)
  • Abundance categories (Cat.): C = common, R = rare, V = very rare, P = present - to fill if data are deficient (DD) or in addition to population size information
  • Data quality: G = 'Good' (e.g. based on surveys); M = 'Moderate' (e.g. based on partial data with some extrapolation); P = 'Poor' (e.g. rough estimation); VP = 'Very poor' (use this category only, if not even a rough estimation of the population size can be made, in this case the fields for population size can remain empty, but the field "Abundance categories" has to be filled in)

3.3 Other important species of flora and fauna (optional)

Species

Population in the site

Motivation

Group CODE Scientific Name S NP Size Unit Cat. Species Annex Other categories
     MinMax C|R|V|PIVVABCD
A298Acrocephalus arundinaceus                   
A168Actitis hypoleucos    10           
3019Anguilla anguilla                   
2432Anguis fragilis sin: Anguis veronensis                 
2361Bufo bufo                   
A364Carduelis carduelis                   
A363Carduelis chloris                   
A253Delichon urbicum                 
A381Emberiza schoeniclus    20  100           
A096Falco tinnunculus               
A251Hirundo rustica    200  1000             
5358Hyla intermedia                 
1344Hystrix cristata                   
5179Lacerta bilineata                 
Laurus nobilis                   
Lissotriton vulgaris                   
A230Merops apiaster    20  100             
1341Muscardinus avellanarius                   
2469Natrix natrix                 
A621Passer italiae                   
A356Passer montanus                 
A235Picus viridis               
1256Podarcis muralis                   
1250Podarcis sicula                   
A008Podiceps nigricollis               
Polygonatum multiflorum                   
1209Rana dalmatina                   
1210Rana esculenta                     
A336Remiz pendulinus               
A249Riparia riparia    50           
1849Ruscus aculeatus                     
A048Tadorna tadorna             
2386Tarentola mauritanica                 
Typha latifolia                   
A213Tyto alba               
1033Unio elongatulus                   
A232Upupa epops               
1053Zerynthia polyxena                   
  • Group: A = Amphibians, B = Birds, F = Fish, Fu = Fungi, I = Invertebrates, L = Lichens, M = Mammals, P = Plants, R = Reptiles
  • CODE: for Birds, Annex IV and V species the code as provided in the reference portal should be used in addition to the scientific name
  • S: in case that the data on species are sensitive and therefore have to be blocked for any public access enter: yes
  • NP: in case that a species is no longer present in the site enter: x (optional)
  • Unit: i = individuals, p = pairs or other units according to the standard list of population units and codes in accordance with Article 12 and 17 reporting, (see reference portal)
  • Cat.: Abundance categories: C = common, R = rare, V = very rare, P = present
  • Motivation categories: IV, V: Annex Species (Habitats Directive), A: National Red List data; B: Endemics; C: International Conventions; D: other reasons

4. SITE DESCRIPTION

Back to top

4.1 General site character

Habitat class % Cover
N0268.20
N1022.60
N169.20

Total Habitat Cover

100

Other Site Characteristics

L'area denominata Bonifica Della Gherardesca, è unarea umida di oltre 56 ettari la cui superficie prevalente è attualmente allagata in modo perenne. Essa ricade allinterno del più vasto comprensorio del padule di Bientina. Lalveo dellex lago di Bientina oggi è caratterizzato da unarea di pianura bonificata, percorsa da canali di origine antropica (Bordoni & Rocchi, 2002). Nella porzione sud dellarea è presente un bosco dalle caratteristiche mesofile di notevole interesse. Il sottosuolo dellarea palustre in esame presenta una realtà complessa costituita da molteplici strati di materiali alluvionali fini con livelli di torbe e presenza di materia inorganica in superficie. Sono inoltre presenti depositi di conoide che orlano lantico bordo lago in prossimità dello sfocio dei torrenti che discendono dal Monte Pisano. Lapporto idrico di superficie del bacino ex lacustre presenta un andamento discontinuo, in quanto alimentato dagli apporti di corsi dacqua a carattere torrentizio. La profondità è variabile da pochi centimetri a due metri e dipende dalle variazioni stagionali. Per quanto riguarda le acque dei canali della bonifica esse risultano idraulicamente separate dal lago per la presenza di una arginatura perimetrale che delimita larea della Gherardesca. Larea è tra le più interessanti del Bientina in particolare in inverno, quando vi svernano numerose specie di uccelli acquatici e allinizio della primavera, per la presenza di contingenti migratori. Dal punto di vista fisionomico, la vegetazione dell'area è caratterizzata da un mosaico di formazioni, di cui le principali sono: 1) bosco di querce caducifoglie, 2) prati umidi e palustri, 3) canneti a Phragmites australis. La tipologia 1), dominante rispetto alle altre, è rappresentata da un bosco sub-acidofilo di Quercus cerris, in cui il cerro risulta specie arborea quasi esclusiva. Tale formazione è riconducibile all'evoluzione naturale di boschi cedui, da tempo non più sottoposti ad interventi di utilizzazione. La struttura del bosco si presenta per lo più pluristratificata: lo strato superiore è dominato dal cerro, mentre nello strato arboreo medio, al cerro si uniscono l'Orniello (Fraxinus ornus), il ciavardello (Sorbus torminalis), l'acero campestre (Acer campeste), il leccio (Quercus ilex) e l'agrifoglio (Ilex aquifolium). Il sottobosco è caratterizzato da una ricca componente arbustiva costituita da specie di temperamento prevalentemente acidofilo, alcune delle quali comuni nell'Europa medio atlantica, come il Ginestrone (Ulex europaeus) e la ginestra dei carbonari (Cytisus scoparius), altre caratteristiche dell'area mediterranea, come il corbezzolo (Arbutus unedo), l'erica arborea (Erica arborea) e l'erica da scope (Erica scoparia); frequenti anche il pungitopo (Ruscus aculeatus) e la felce aquilina (Pteridium aquilinum). Lo strato erbaceo presenta valori di copertura medio-bassi, tra le specie più caratteristiche Teucrium scorodonia, Rubus ulmifolius e Onicera caprifolium. Molto caratteristica è anche la presenza, molto abbondante, del Sigillo di Salomone (Polygonatum multiflorum). In corrispondenza di aree di ristagno di acqua e in generale ad umidità maggiore, in prossimità dei canali e del torrente Donna Morta, la composizione arborea è arricchita dalla presenza di della farnia (Quercus robur). La formazione appena descritta si avvicina dal punto di vista fitosociologico all'associazione dell'Erica arboreae Quercetum cerridis, Arrigoni (1990) nel suo complesso e, nelle aree più mesofile, al Quercetalia roboris, Tuxen 1931, in forma ricca di cerro. Comunità lacustri dominate da Phragmites australis sono distribuite lungo il margine del lago. La cenosi si presenta povera floristicamente e poco estesa, soggetta a riduzione e a colonizzazione, in alcune aree, di Salix cinerea e Populus sp. Pl. Caratteristiche formazioni prative confinanti in aree marginali tra le acque del lago, i coltivi e il bosco, sono caratterizzate da un certo grado di sfalcio, almeno nelle porzioni più prossime all'abitato. Queste comunità sono colonizzate da un consorzio di specie di ambienti umidi a prevalenza di Holcus lanatus, Anthoxanthum odoratum, Trifolium repens, Bromus hordeaceus, Plantago lanceolata e Lychnis flos-cuculi. Nelle aree vicinali rispetto alle acque del lago, si instaurano delle comunità caratterizzanti le marcite e costituite da un ricco consorzio di Cyperaceae (Carex sp. Pl.) ed elofite più o meno caratteristiche (Iris pseudacorus, Tipha latifolia, Lythrum salicaria, Alisma plantago-aquatica, Eleocharis palustris e Galium palustre).

4.2 Quality and importance

Importante area di svernamento di uccelli acquatici soprattutto dall’anno 2008 quando nell’area sono cessate le periodiche operazioni di prosciugamento e si è venuto a creare uno specchio d’acqua permanente, e all’inizio della primavera, per la consistente presenza di contingenti migratori. Si tratta di un’area umida di importanza nazionale per lo svernamento della Pavoncella (Vanellus vanellus) e del Beccaccino (Gallinago gallinago). Nel sito ha nidificato, tra le altre, lo Svasso maggiore e sono stati censiti, durante i recenti censimenti degli uccelli acquatici svernanti specie poco comuni, come Fistione turco (Netta rufina), Moretta tabaccata (Aythya nyroca), Codone (Anas acuta), Moriglione (Aythya ferina), Canapiglia (Anas strepera), Moretta (Aythya fuligula), Oca selvatica (Anser anser). Si sottolinea la presenza di Poiana calzata (Buteo lagopus) in svernamento nell’area del Bientina. Durante gli ultimi anni circa 7000 uccelli acquatici hanno svernato nell’area della Gherardesca. Per quanto riguarda la sezione 3.3., le specie elencate sotto «D» appartengono a categorie SPEC o rientrano negli allegati della Legge Regionale 56/00.

4.3 Threats, pressures and activities with impacts on the site

The most important impacts and activities with high effect on the site

Negative Impacts
RankThreats and pressures [code]Pollution (optional) [code]inside/outside [i|o|b]
HA01 b
HA07o
HF03.01.01o
LG01.05o
HH01.05b
HI01i
MJ02.03o
Positive Impacts
RankActivities, management [code]Pollution (optional) [code]inside/outside [i|o|b]
MB02b

Rank: H = high, M = medium, L = low
Pollution: N = Nitrogen input, P = Phosphor/Phosphate input, A = Acid input/acidification,
T = toxic inorganic chemicals, O = toxic organic chemicals, X = Mixed pollutions
i = inside, o = outside, b = both

4.4 Ownership (optional)

Type[%]
PublicNational/Federal0
State/Province0
Local/Municipal0
Any Public0
Joint or Co-Ownership0
Private100
Unknown0
sum100

4.5 Documentation (optional)

Uccelli. Arcamone E., Tellini G. 1988. Cronaca ornitologica toscana: 1987. Quad. Mus. Stor. Nat. Livorno 9: 75-90. Arcamone E., Barbagli F.,1996. Cronaca ornitologica toscana: 1990-1991. Quad. Mus. Stor. Nat. Livorno 14: 79-109. Arcamone E., Puglisi L. 2006. Cronaca ornitologica toscana. Osservazioni relative agli anni 1992-2004. Alula 13: 3-124. Arcamone E., Puglisi L. 2008. Cronaca ornitologica toscana. Osservazioni relative agli anni 2005-2007. Alula 15: 3-121 Arcamone E., Paesani G., Verducci D., in prep. Primo svernamento di un gruppo di Ibis sacro Threskiornis aethiopicus in Toscana. Picus in prep. Balducci E. 1911. La nuova cattura italiana di un Pelecanus crispus. R.I.O., 1: 68-71 Banca Dati COT (Centro Ornitologico Toscano) Anni 2008-2014. Barbagli F. 1995. Prima segnalazione di Marzaiola americana, Anas discors, in Toscana. R.I.O., 65 (1): 76-77. Bernardi V., Cantagalli C., Vincenti R. (a cura di), 1980. Bientina e il suo lago (da un manoscritto del XVIII secolo) con aggiornamenti e note integrative. La Grafica pisana, Buti. Caterini F. 1940, 1943. Gli uccelli del Pisano. R.I.O. 10: 216-228; 11: 12–27, 58-72,137-149; 12: 17-24; 13: 12-17, 40-50,84-93. Cenni M. 1989. Note sul popolamento di fauna vertebrata dei Monti Pisani e dell'alveo dell'ex Lago di Bientina. In: "Alla scoperta dei Monti Pisani": 101-134. Pacini Editore, Pisa. Corti A. 1999. ANPIL Bosco Tanali: tre anni di avvistamenti ornitologici. Quaderni di Tanali 2: 6 -7. Dall'Antonia P. 1999. L'avifauna del territorio del comune di Capannori. Studi Capannoresi 3: 149 - 165. Fabbrizi F. 2004. La fauna. In: "La Riserva naturale di Montefalcone": 79-98. La grafica pisana, Bientina. Foschi U.F., Bulgarini F., Cignini B., Lipperi M., Melletti M., Pizzari T., Visentin M. 1996. Catalogo della collezione ornitologica "Arrigoni degli Oddi" del Museo Civico di Zoologia di Roma. Ric. Biol. Selvaggina, 97: 1-311. Gemignani A. 1993. Oasi del Bottaccio. Istituzione di una nuova oasi naturalistica. W.W.F. Sezione di Lucca. Giunti M., Colligiani L., Tellini Florenzano G., Cursano B., Sposimo P. 2001. L'avifauna nidificante e migratrice. Quaderni del Padule di Fucecchio, 1: 119-169. Lotti S., Nistri A., Barbagli F. 2009. La collezione ornitologica in: La Collezione Naturalistica Lensi del Museo Civico di Fucecchio a cura di Andrea Vanni Desideri. Polistampa, Firenze. Maggi N. e Malfatti L., 2011. Attività di inanellamento presso la Riserva naturale "Bosco di Tanali". Picus, 71: 65. Massi A. 1990. La collezione ornitologica Paolucci. Quad. Mus. Stor. Nat. Livorno 11: 25- 86. Romanelli C. 1994. Gli uccelli nelle parlate toscane: risultati di un'indagine sul territorio con indicazioni bibliografiche e note etimologiche. F.I.d.C., Firenze. Savi P. 1823. Catalogo degli uccelli raccolti nella Provincia Pisana. Nuovo giornale dei Letterati, 5: 299-327. Savi P., 1827-1829-1831. Ornitologia toscana. Ossia descrizione e storia degli uccelli che trovansi nella Toscana. Con l'aggiunta delle descrizioni di tutti gli altri propri al rimanente d'Italia. Nistri, Pisa. Savi P. 1873, 1877. Ornitologia italiana. Successori Le Monnier, Firenze. Tomei P.E., Romè A.,1979. Indagine sulle zone umide della Toscana. IV. Considerazioni sulle specie ornitiche fino ad oggi note per il bacino del Bientina (Lucca-Pisa). Atti della Società toscana di Scienze Naturali residente in Pisa, Memoria, Serie B, 86: 411-431. Verducci D., 1999. Nido di Pendolino Remiz pendulinus su Ontano nero. U.d.I. XXIV (1 – 2): 57. Verducci D., 2004. Un'Averla maggiore Lanius excubitor svernante in Toscana. U.d.I. XXIX (1 – 2): 85-86. Verducci D. 2007. Francesco Pagnini: un ornitologo ante litteram nella Toscana granducale. U.d.I. Verducci D., Chines A. 2010. Prima nidificazione di Svasso maggiore, Podiceps cristatus, nel Padule di Bientina (LU/PI). Picus, 69: 22-24. Verducci D., 2011. Avifauna del padule di Bientina. Prima parte non passeriformes. Gli Uccelli d'Italia XXXVI: 13-40 Verducci D., 2013. Avifauna del padule di Bientina. Seconda parte passeriformes. Gli Uccelli d'Italia XXXVIII: 20-38 Verducci D., Bosi E., Giorgi D., in stampa. Svernamento della Poiana calzata Buteo lagopus in Toscana. Picus in stampa. Flora e habitat. Bacaro G. Indagini per la relazione necessaria alla designazione della ZPS della Gherardesca , ined. Lippi A., 1992 - Alcune considerazioni sulla flora e l'interesse ambientale dei boschi e delle zone umide della Piana Lucchese. In: Galli S., Giannotti L., (a cura di). Suburbanum. Edizioni T.M. Massarosa: 177-226. Sani A. 2012., Relazione tecnica per la Provincia di Lucca. Tomei P.E., Guazzi E., Kugler P.C., 2001 - Le zone umide della Toscana. Indagine sulle componenti floristiche e vegetazionali. Regione Toscana, Università di Pisa. Tomei P.E., Longobardo G., Lippi A., 1991 - Specie vegetali igrofile delle zone dulciacquicole della Toscana planiziale. Pacini editore, Pisa XXXII (1-2): 5-8. Pesci. Pascale M., Chines A., 2009 - Carta ittica della Provincia di Lucca. Fipsas - Enal Pesca - Arci pesca Fisa, Comitati Regionali Toscani - Unpem Coordinamento Regionale Toscano. Relazione tecnica Chines A., Pascale M., Braccini S., 2014 Atlante deli Pesci delle Acque interne della Provincia di Lucca. Provincia di Lucca – FIPSAS Roma. Anfibi e Rettili. Biaggini M. & Corti C. 2011. Indagine preliminare per la realizzazione di corridoi ecologici in provincia di Lucca: censimento di Anfibi e Rettili. Museo di Storia Naturale dell'Università degli Studi di Firenze. Sezione di Zoologia "La Specola". Zuffi M., Anfibi, Rettili (Amphibia, Reptilia) del comprensorio capannorese. In Tomei P.E., e Kugler P.C., (a cura di): Studi Capannoresi. Comune di Capannori, La Grafica Pisana, Bientina: 141-146. Cenni M., 1989. Note sul popolamento di fauna vertebrata dei Monti Pisani e dell'alveo dell'ex lago di Bientina. In AA.VV., Alla scoperta dei Monti Pisani., Pacini Editore: 101-133. Zuffi M.A.L 2011. Relazione inedita progetto ZO.UM. GEST Invertebrati. Banca dati del Repertorio Naturalistico (RENATO). Regione Toscana. Scheda Natura 2000 SIR Bo3 Ex alveo del Lago di Bientina."

5. SITE PROTECTION STATUS

Back to top

5.1 Designation types at national and regional level (optional):

Code Cover [%]
IT32100.00

5.2 Relation of the described site with other sites (optional):


No information provided

5.3 Site designation (optional)

Zona a divieto di caccia in quanto protetta come rotta di migrazione ai sensi della L.R. 3/94.

6. SITE MANAGEMENT

Back to top

6.1 Body(ies) responsible for the site management:

Organisation:Regione Toscana
Address:
Email:parchiareeprotette_biodiversita@regione.toscana.it

6.2 Management Plan(s):

An actual management plan does exist:

Yes
No, but in preparation
X
No

6.3 Conservation measures (optional)


No information provided

 

7. MAP OF THE SITE

Back to top
INSPIRE ID:
Map delivered as PDF in electronic format (optional)
X
Yes
No

SITE DISPLAY