Database release:
SDF
NATURA 2000 - STANDARD DATA FORM

For Special Protection Areas (SPA),
Proposed Sites for Community Importance (pSCI),
Sites of Community Importance (SCI) and
for Special Areas of Conservation (SAC)

TABLE OF CONTENTS

1. SITE IDENTIFICATION

Back to top

1.1 Type

C

1.2 Site code

IT9210150

1.3 Site name

Monte Coccovello - Monte Crivo - Monte Crive

1.4 First Compilation date

2009-06

1.5 Update date

2019-12

1.6 Respondent:

Name/Organisation:Regione Basilicata Dip. Ambiente, Territorio e Politiche della Sostenibilità Ufficio Tutela della Natura
Address:               
Email:

1.7 Site indication and designation / classification dates

Date site classified as SPA:2009-09
National legal reference of SPA designationD.G.R. n. 1202 del 22 luglio 2008
Date site proposed as SCI:2009-09
Date site confirmed as SCI: No information provided
Date site designated as SAC:2017-11
National legal reference of SAC designation:DM 22/11/2017 - G.U. 282 del 02-12-2017

2. SITE LOCATION

Back to top

2.1 Site-centre location [decimal degrees]:

Longitude:15.731944
Latitude:40.027500

2.2 Area [ha]

2981.0000

2.3 Marine area [%]

0.0000

2.4 Sitelength [km] (optional):


No information provided

2.5 Administrative region code and name

NUTS level 2 code Region Name
ITF5Basilicata

2.6 Biogeographical Region(s)

Mediterranean (100.00 %)

3. ECOLOGICAL INFORMATION

Back to top

3.1 Habitat types present on the site and assessment for them

Annex I Habitat types Site assessment
Code PF NP Cover [ha] Cave [number] Data quality A|B|C|D A|B|C
      RepresentativityRelative SurfaceConservationGlobal
4090  info      29.81  0.00 
5110  info      29.81  0.00 
6210  info  X     834.71  0.00 
6220  info      29.81  0.00 
8130  info      29.81  0.00 
8210  info      89.43  0.00 
91M0  info      327.92  0.00 
9210  info      178.87  0.00 
9260  info      89.43  0.00 
9340  info      178.87  0.00 
  • PF: for the habitat types that can have a non-priority as well as a priority form (6210, 7130, 9430) enter "X" in the column PF to indicate the priority form.
  • NP: in case that a habitat type no longer exists in the site enter: x (optional)
  • Cover: decimal values can be entered
  • Caves: for habitat types 8310, 8330 (caves) enter the number of caves if estimated surface is not available.
  • Data quality: G = 'Good' (e.g. based on surveys); M = 'Moderate' (e.g. based on partial data with some extrapolation); P = 'Poor' (e.g. rough estimation)

3.2 Species referred to in Article 4 of Directive 2009/147/EC and listed in Annex II of Directive 92/43/EEC and site evaluation for them

Species Population in the site Site assessment
G Code Scientific Name S NP T Size Unit Cat. D.qual. A|B|C|D A|B|C
      MinMax  Pop.Con.Iso.Glo.
BA247Alauda arvensis          DD 
BA247Alauda arvensis          DD 
BA255Anthus campestris    10  10   
BA226Apus apus          DD       
BA226Apus apus          DD       
BA228Apus melba          DD       
BA227Apus pallidus    30  30   
BA218Athene noctua     
BA215Bubo bubo          DD 
BA087Buteo buteo          DD 
M1352Canis lupus          DD 
BA224Caprimulgus europaeus     
BA366Carduelis cannabina          DD 
BA366Carduelis cannabina          DD 
BA366Carduelis cannabina          DD 
BA364Carduelis carduelis          DD       
BA363Carduelis chloris          DD       
BA335Certhia brachydactyla          DD       
BA288Cettia cetti          DD       
BA030Ciconia nigra          DD       
BA080Circaetus gallicus     
BA289Cisticola juncidis          DD       
BA206Columba livia          DD       
BA208Columba palumbus          DD 
BA350Corvus corax     
BA349Corvus corone          DD       
BA347Corvus monedula          DD       
BA212Cuculus canorus     
BA253Delichon urbica          DD       
BA253Delichon urbica          DD       
BA237Dendrocopos major          DD 
BA240Dendrocopos minor     
R1279Elaphe quatuorlineata          DD       
BA378Emberiza cia          DD 
BA377Emberiza cirlus          DD 
BA269Erithacus rubecula          DD       
BA103Falco peregrinus     
BA096Falco tinnunculus          DD 
BA359Fringilla coelebs          DD       
BA359Fringilla coelebs          DD       
BA359Fringilla coelebs          DD       
BA244Galerida cristata          DD       
BA342Garrulus glandarius          DD       
BA251Hirundo rustica          DD       
BA338Lanius collurio     
BA246Lullula arborea          DD 
BA230Merops apiaster          DD       
BA383Miliaria calandra          DD       
BA073Milvus migrans     
BA074Milvus milvus     
BA280Monticola saxatilis     
BA281Monticola solitarius     
BA262Motacilla alba          DD       
BA261Motacilla cinerea     
BA319Muscicapa striata          DD 
BA278Oenanthe hispanica     
BA277Oenanthe oenanthe     
BA337Oriolus oriolus           
BA337Oriolus oriolus          DD       
BA214Otus scops     
BA329Parus caeruleus          DD       
BA330Parus major          DD       
BA325Parus palustris          DD       
BA354Passer domesticus          DD       
BA072Pernis apivorus          DD 
BA072Pernis apivorus          DD       
BA273Phoenicurus ochruros           
BA273Phoenicurus ochruros          DD       
BA273Phoenicurus ochruros          DD       
BA315Phylloscopus collybita          DD       
BA343Pica pica          DD       
BA235Picus viridis          DD 
BA250Ptyonoprogne rupestris     
BA250Ptyonoprogne rupestris          DD 
BA276Saxicola torquata          DD       
BA155Scolopax rusticola          DD       
BA361Serinus serinus          DD       
BA332Sitta europaea          DD       
BA210Streptopelia turtur          DD 
BA210Streptopelia turtur     
BA219Strix aluco     
BA311Sylvia atricapilla          DD 
BA311Sylvia atricapilla          DD 
BA311Sylvia atricapilla          DD 
BA303Sylvia conspicillata     
BA305Sylvia melanocephala          DD       
BA302Sylvia undata     
BA265Troglodytes troglodytes          DD       
BA283Turdus merula          DD       
BA285Turdus philomelos          DD       
BA285Turdus philomelos          DD       
BA284Turdus pilaris          DD       
BA213Tyto alba     
BA232Upupa epops     
  • Group: A = Amphibians, B = Birds, F = Fish, I = Invertebrates, M = Mammals, P = Plants, R = Reptiles
  • S: in case that the data on species are sensitive and therefore have to be blocked for any public access enter: yes
  • NP: in case that a species is no longer present in the site enter: x (optional)
  • Type: p = permanent, r = reproducing, c = concentration, w = wintering (for plant and non-migratory species use permanent)
  • Unit: i = individuals, p = pairs or other units according to the Standard list of population units and codes in accordance with Article 12 and 17 reporting (see reference portal)
  • Abundance categories (Cat.): C = common, R = rare, V = very rare, P = present - to fill if data are deficient (DD) or in addition to population size information
  • Data quality: G = 'Good' (e.g. based on surveys); M = 'Moderate' (e.g. based on partial data with some extrapolation); P = 'Poor' (e.g. rough estimation); VP = 'Very poor' (use this category only, if not even a rough estimation of the population size can be made, in this case the fields for population size can remain empty, but the field "Abundance categories" has to be filled in)

3.3 Other important species of flora and fauna (optional)

Species

Population in the site

Motivation

Group CODE Scientific Name S NP Size Unit Cat. Species Annex Other categories
     MinMax C|R|V|PIVVABCD
Acer cappadocicum ssp. lobelii                   
Anacamptis pyramidalis                   
5551Apodemus sylvaticus                     
Athamanta ramosissima                   
Avenula praetutiana                   
2361Bufo bufo                   
Campanula fragilis subsp. fragilis                   
Centaurea ambigua subsp. ambigua                   
Cephalanthera longifolia                   
Cephalanthera rubra                   
Cerastium scaranii                   
Cerastium tomentosum                   
Crepis lacera                   
Dactylorhiza sambucina                   
Digitalis lutea subsp. australis                   
Edraianthus graminifolius ssp. graminifolius                   
2615Eliomys quercinus                   
3021Epinephelus marginatus                   
Epipactis helleborine                   
2590Erinaceus europaeus                   
Erysimum majellense                   
Erysimum pseudorhaeticum                   
Euphorbia corallioides                   
1363Felis silvestris                   
Fraxinus excelsior subsp. excelsior                   
2616Glis glis                   
5670Hierophis viridiflavus                   
Himantoglossum hircinum                   
5358Hyla intermedia                   
1344Hystrix cristata                   
Ilex aquifolium                   
Laserpitium siler subsp. siculum                   
Lathyrus jordanii                   
Lathyrus odoratus                   
5689Lepus corsicanus                     
5690Lepus europaeus                     
Leucanthemum laciniatum                   
Lilium bulbiferum subsp.croceum                   
Linaria purpurea                   
Linum austriacum subsp. tommasinii                   
2630Martes foina                   
2631Meles meles                   
Mus domesticus                   
2634Mustela nivalis                   
2469Natrix natrix                   
Onosma echioides                   
Ophrys apifera                   
Orchis anthropophora                   
Orchis italica                   
Orchis morio                   
Orchis pauciflora                   
Orchis provincialis                   
Orchis simia                   
Orchis tridentata                   
Paeonia mascula                   
Platanthera chlorantha                   
1250Podarcis sicula                   
Polygala major                   
Potentilla rigoana                   
1209Rana dalmatina                   
Rhinanthus wettsteini                   
2351Salamandra salamandra                   
Saxifraga porophylla                   
Scabiosa holosericea                   
Serapias lingua                   
Serapias vomeracea                   
Sesleria nitida                   
Sideritis italica                   
Solenanthus apenninus                   
Stipa dasyvaginata                   
2603Suncus etruscus                   
5861Sus scrofa                     
Thalictrum calabricum                   
Trifolium brutium                   
1168Triturus italicus               
Vicia ochroleuca                   
Viola pseudogracilis ssp. pseudogracilis                   
5906Vulpes vulpes                     
  • Group: A = Amphibians, B = Birds, F = Fish, Fu = Fungi, I = Invertebrates, L = Lichens, M = Mammals, P = Plants, R = Reptiles
  • CODE: for Birds, Annex IV and V species the code as provided in the reference portal should be used in addition to the scientific name
  • S: in case that the data on species are sensitive and therefore have to be blocked for any public access enter: yes
  • NP: in case that a species is no longer present in the site enter: x (optional)
  • Unit: i = individuals, p = pairs or other units according to the standard list of population units and codes in accordance with Article 12 and 17 reporting, (see reference portal)
  • Cat.: Abundance categories: C = common, R = rare, V = very rare, P = present
  • Motivation categories: IV, V: Annex Species (Habitats Directive), A: National Red List data; B: Endemics; C: International Conventions; D: other reasons

4. SITE DESCRIPTION

Back to top

4.1 General site character

Habitat class % Cover
N081.00
N0928.00
N1661.00
N186.00
N221.00
N233.00

Total Habitat Cover

100

Other Site Characteristics

CARATTERI CLIMATICI. I caratteri climatici del tratto costiero tirrenico della Basilicata risultano fortemente influenzati dalle caratteristiche geomorfologiche del territorio, legate essenzialmente ad unaccentuata morfologia del rilievo ed alle quote elevate che si raggiungono a pochissima distanza dalla linea di riva. Analogamente ad altri territori costieri, nonostante le poche stazioni termopluviometriche disponibili (Maratea e Trecchina, mentre per Acquafredda sono disponibili unicamente i dati pluviometrici), è possibile evidenziare un carattere climatico tipicamente mediterraneo, con periodo di aridità estiva esteso da metà giugno a metà agosto. Landamento delle precipitazioni (dal mare allentroterra) mostra una certa articolazione in quanto in posizione arretrata rispetto alla linea di costa si evidenzia una piovosità decisamente maggiore per gran parte dellanno. Lentità delle precipitazioni medie annue è risultata di 1250 mm per la stazione di Maratea, di 1214.4 mm per Acquafredda, mentre raggiungono i 1830 mm a Trecchina, che costituisce un valore decisamente elevato se confrontato con analoghi siti costieri dellItalia meridionale. Relativamente ai valori termici nella stazione di Maratea si registrano temperature medie del mese più freddo (gennaio) intorno a 8.00 °C e massime nel mese più caldo (agosto) di 22.50 °C, con una media annuale di 14.77 °C. La stazione di Trecchina posta a quote più elevate mostra valori termici minori con temperatura media del mese più freddo (gennaio) intorno a 5.40 °C e massime nel mese più caldo (luglio) di 22.20 °C, con una media annuale di 12.98 °C (Caneva et al., 1997; Caneva & Cancellieri in Caneva & Cutini, 2009). Utilizzando una delle classificazioni bioclimatiche correntemente in uso in ambito ecologico e fitosociologico (classificazioni sensu Rivas-Martinez), che utilizza appositi indici in grado di misurare lappartenenza delle stazioni esaminate allinterno di categorie prefissate, si nota come larea in esame presenti un bioclima di tipo mediterraneo pluviostagionale oceanico, con termotipo mesomediterraneo e ombrotipo umido, che, in senso generale, corrisponde ad un andamento climatico tipicamente mediterraneo (con aridità estiva) ma con una quantità medio-elevata di precipitazioni autunnali ed invernali. CARATTERI GEOLOGICI E GEOMORFOLOGICI. La costa di Maratea è limitata ad Est dai rilievi del Monte Coccovello fino al Monte Maiorino, a Nord dai rilievi del Monte Spina e del Monte Palladino (confine con la Campania), ad Ovest dal Mar Tirreno e a Sud dalla porzione terminale della valle del Fiume Noce, che segna il confine con la Calabria. Si estende per circa 30 Km e interessa un territorio di oltre 6700 ettari, caratterizzato da un tratto di Appennino lucano, parallelo alla linea di costa, con oscillazioni altimetriche notevoli (M.te Coccovello, 1505 m) ed una morfologia particolarmente accentuata. Le formazioni geologiche presenti nellarea sono riferibili essenzialmente ad unità stratigrafico-strutturali derivanti dalla Piattaforma Campano-Lucana e dallUnità Liguride (flysch liguride). Al di sopra di questultima, in corrispondenza della valle di Maratea, sono presenti potenti coperture detritiche di origine recente, mentre in corrispondenza delle aree golenali del Fiume Noce si rinvengono depositi alluvionali che assumono notevoli spessori (Cotecchia et al., 1990). Larea, quindi, risulta caratterizzata prevalentemente da terreni mesozoici e terziari carbonatici, ben rappresentati nelle strutture dei rilievi di Monte Coccovello e dalla serie dei Monti di Trecchina, tra i quali si impostano anche successioni di carattere flyscioide. Le rocce calcaree affioranti, anche se riferibili al dominio appenninico di piattaforma carbonatica, se ne differenziano per i caratteri deposizionali e per levoluzione tettonica e sedimentaria. Le strutture sedimentarie che condizionano gran parte della morfostruttura dei monti di Maratea, appartengono alla successione carbonatica Bulgheria-Verbicaro, unità costituita da dolomie nerastre, massive o stratificate, del Lias inferiore - Trias medio, e alla successione Alburno-Cervati, rappresentata per larghi settori da calcari grigi e nerastri con intercalazioni dolomitiche del Cretaceo superiore Lias, entrambe derivanti dalla deformazione della Piattaforma Campano-Lucana. LUnità Alburno-Cervati è ampiamente diffusa in Italia meridionale, affiora nei monti di Lauria, nellarea dei Monti Alburni e dei Monti Picentini, nonché nellarea del Monte Pollino, mentre, nel territorio in esame emerge diffusamente in corrispondenza di Monte La Serra, del Monte Coccovello, e presso Castrocucco (Cotecchia et al., 1990). Il complesso assetto strutturale presente a Maratea è frutto delle diverse fasi tettoniche che hanno coinvolto le unità presenti. Nella sua costituzione un ruolo fondamentale sembra averlo avuto la lineazione tettonica chiamata Linea del Pollino, corrispondente ad una zona di taglio profonda, continua dalle aree tirreniche a quelle ioniche; lattività di tale zona di taglio sarebbe perdurata almeno a partire da Miocene inferiore fino al Pleistocene medio-superiore (Cotecchia et al., 1990). Lintera dorsale carbonatica risulta fortemente tettonizzata da una serie di faglie con direzione SO-NE e da un sovrascorrimento che mette in contatto le due unità. Nellarea di Maratea laccavallamento delle diverse unità è presente a Nord della congiungente Maratea-Brefaro-Piano dei Peri, ed interessa quindi larea corrispondente alla Valle di Maratea, al Monte Crivo e a tutto il territorio ad Est di esso. A Sud della suddetta congiungente prevale, invece, il contatto diretto tra lUnità Bulgheria-Verbicaro e la sottostante Unità Alburno-Cervati (DEcclesiis et al., 1993). Da tutto ciò emerge come gran parte del territorio mostri evidenti segni di una complessa evoluzione geomorfologica che seppur innescata in tempi remoti, non sembra essersi ancora del tutto esaurita. I fenomeni ancora in atto risultano sostanzialmente diversi fra loro, manifestandosi sottoforma di rotture e deformazioni gravitative di versante, oltre a movimenti franosi propriamente detti (Cotecchia et al., 1990). Un ruolo significativo è dato dal sistema di faglie presenti in tutto il comune di Maratea, ed in particolare la faglia diretta, a direzione N-S immergente verso ovest con una inclinazione di 70°, che borda il versante occidentale del Monte Crivo delimitando il fianco destro della Valle di Maratea. Questa mostra una chiara prosecuzione a mare ed una intensa attività ancora in atto, cui si associa un significativo canyon sottomarino, chiamato dai pescatori locali Fossate, il quale attraverso un attivo sistema di canali che vanno dalla linea di costa verso il mare aperto, raccoglie e convoglia verso il largo buona parte dellattuale carico sedimentario (Colantoni et al., 1997). Dal punto di vista strettamente morfologico, le inclinazioni maggiormente ricorrenti risultano quelle relative alle classi mediane, comprese in un intervallo che va da 20° a 40°. Le pendenze maggiori si registrano nei versanti occidentali del Complesso Montuoso Crivo - Crive, mentre sul massiccio del Coccovello si registrano inclinazioni maggiori tra i 1000 e i 1500 m s.l.m. Analizzando infine la distribuzione delle classi di esposizione, le più ricorrenti risultano quelle verso Nord (18%), Sud Est (16%), Nord Est (15%).

4.2 Quality and importance

Il Sito è individuato lungo la catena montuosa prospiciente alla costa di Maratea e comprende le cime di Monte Coccovello (1510 m s.l.m.), Monte Crivo (1277 m s.l.m.), Monte Crive (1036 m s.l.m.). La caratteristica principale del Sito è legata proprio allelevata biodiversità espressa in termini di paesaggi e di formazioni vegetazionali che si viene a determinare grazie allesteso sviluppo altitudinale, superiore ai 1000 m s.l.m., presente a breve distanza dalla costa. Per questo motivo, le formazioni vegetali che si riscontrano allinterno del territorio in esame variano dalle componenti piu termofile quali leccete e praterie aride mediterranee, fino a quelle più mesofile rappresentate nei comparti più freschi dalle faggete. Ad aumentare la diversità ambientale concorre poi la complessità geologica del territorio, per cui allinterno del sito vi sono sia fitocenosi tipicamente calcaree (ad es. le leccete riferibili allassociazione Roso sempervirentis-Quercetum ilicis) che fitocenosi acidofile come i cedui di castagno di Trecchina e Rivello. Lambiente si presenta con un buon grado di conservazione, in assenza di attività antropiche e centri urbani di particolare importanza. Allinterno dei confini del sito non vi sono infatti centri abitati di rilievo e gli abitati di Trecchina e Rivello (i più vicini al Sito) si trovano rispettivamente a circa 200 e 950 m in linea daria. Il pregio naturalistico del Sito è confermato dallelevata percentuale di territorio con caratteristiche di elevata naturalità: gli ambienti rupicoli, i ghiaioni mediterranei, i pascoli, gli arbusteti e i boschi rappresentano infatti più del 97% dellintera superficie del Sito. Allelevata diversità paesaggistico-ambientale si associa inoltre la presenza di ben 10 habitat di interesse comunitario (di cui 2 prioritari), che interessano complessivamente circa il 61% del territorio del Sito. I rilievi effettuati per la redazione del Piano di Gestione hanno permesso di confermare gli otto habitat già segnalati nella scheda e di identificare altri due habitat precedentemente non segnalati (92M0 e 9260). Dal punto di vista floristico non sono state individuate piante appartenenti a specie di cui allallegato II della Direttiva 92/43/CEE, ma sono state identificate ben 55 altre specie floristiche di notevole interesse conservazionistico, tra le quali si segnalano Fraxinus excelsior subsp. excelsior, considerata raro e gravemente minacciato in Basilicata, Paeonia mascula, Athamanta ramosissima, Saxifraga porophylla, Edraianthus graminifolius subsp. graminifolius e Polygala major da considerarsi rare o rarissime e vulnerabili a scala regionale (Fascetti & Navazio, 2007). Altro elemento di pregio è laltissimo numero di specie endemiche (secondo Conti et al., 2005) pari a 29 tra le quali si possono menzionare Acer cappadocicum subsp. lobelii, Lathyrus jordanii, Stipa dasyvaginata subsp. apenninicola, Thalictrum calabricum e Trifolium brutium. Inoltre il sito ospita un buon numero di orchidaceae, quali Anacamptis pyramidalis, Cephalanthera longifolia, Cephalanthera rubra, Coeloglossum viride, Dactylorhiza sambucina, Epipactis helleborine, Himantoglossum hircinum, Limodorum abortivum, Neottia nidus-avis, Ophrys apifera, Ophrys sphecodes, Orchis anthropophora, Orchis italica, Orchis morio, Orchis pauciflora, Orchis provincialis, Orchis simia, Orchis tridentata, Platanthera chlorantha, Serapias lingua, Serapias vomeracea e Spiranthes spiralis, tutte inserite nellArt. 2 della L.R 28/94. Tra queste, Orchis provincialis è citata anche allinterno della Convenzione di Berna (1979). Per quanto riguarda la fauna, limportanza del sito risiede nella presenza di importanti habitat naturali, in continuità territoriale con gli habitat dei Siti costieri. Gli habitat più significativi a fini faunistici sono quelli rupicoli, quelli boschivi e quelli aperti o infraperti quali praterie, pascoli cespugliati o arborati.

4.3 Threats, pressures and activities with impacts on the site

The most important impacts and activities with high effect on the site


No information provided

4.4 Ownership (optional)

Type[%]
PublicNational/Federal0
State/Province0
Local/Municipal0
Any Public76
Joint or Co-Ownership0
Private24
Unknown0
sum100

4.5 Documentation (optional)

ALOISE G., BERTOLINO S.2005. Free-ranging Population of the Finlayson's Squirrel Callosciurus finlaysonii (Horsfield, 1824) (Rodentia, Sciuridae) in South Italy. Hystrix It. J. Mamm. 2005; 16 (1): 70-74. ALOISE G., BERTOLINO S.2008. Espansione della popolazione di Callosciurus finlaysonii (Horsfield, 1824) (Rodentia, Sciuridae) della costa tirrenica meridionale. VI Congr. It. Teriologia, Cles (Tn) 16-18 Aprile 2008. Hystrix , It. J. Mammal. (n.s.) Supp. 2008. CANEVA G., CUTINI M., 2009. Flora, vegetazione e tradizioni etnobotaniche di Maratea. Gangemi Ed., Roma. 176 pp. CANEVA G., CUTINI M., MAYER A., DE MARCO G., 2004a. Aspetti forestali della classe Quercetea ilicis nella costa tirrenica della Basilicata e Calabria settentrionale (Italia meridionale). Colloques Phytosociologiques XXVIII: 561-575. CANEVA G., CUTINI M., BUTERA M., CANCELLIERI L., 2008. Carta delle serie di vegetazione del territorio di Maratea (Basilicata). Scala 1:25.000. Gangemi Ed., Roma. CANEVA G., FASCETTI S. & GALOTTA G., 1997. Aspetti bioclimatici e vetazionali della costa tirrenica della Basilicata. Fitosociologia, 34: 171-188. COLANTONI P., GABBIANELLI G., RIZZO V. & PIERGIOVANNI A., 1997. Prosecuzione a mare delle strutture deformative della Valle di Maratea (Basilicata) e recente evoluzione dell'antistante piattaforma continentale. Geogr. Fis. Dinam. Quat., 20: 51-60 CONTI F., ABBATE G., ALESSANDRINI A., BLASI C., 2005 - An Annoted Checklist of Italian Flora. Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio - Dip. di Biologia Vegetale Università di Roma "La Sapienza". Palombi Ed: 1-420. COTECCHIA V., D'ECCLESIIS G. & POLEMIO M., 1990. Studio geologico e idrogeologico dei Monti di Maratea. Geologia appl. Idrogeologia, 25: 139-179. D'ECCLESIS G., GRASSI D. & SDAO F., 1993. Espandimenti laterali in corrispondenza di due opposti versanti dei Monti di Maratea (Basilicata). Atti del 2° Convegno Internazionale di Geoidrologia: 1-17. FASCETTI S. & NAVAZIO G., 2007. Specie protette, vulnerabili e rare della flora lucana. Regione Basilicata, 193pp. FUSCO V., 1954. Speleologia lucana. Rassegna Speleologica Italiana 8(1): 29-33. IAMONICO D., 2006. Note floristiche per la Basilicata. Delpinoa 48: 21-27. ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA, SEDE REGIONALE PER LA BASILICATA, 2006. Carta forestale della Basilicata – Atlante. INEA, Lavello (PZ), 100 pp LUCCHESE F., PETRI A., CANEVA G., 2004. Nuove acquisizioni per la flora della Basilicata della fascia costiera tra Sapri e la Foce del Noce. Inf.Bot.Ital. 36 (1): 53-62. PALLADINI A., 2009. Censimento della Chirotterofauna in sei S.I.C. della Regione Basilicata Relazione finale – novembre 2009 SCOPPOLA A. & SPAMPINATO G. (Eds.), 2007. Atlante delle specie a rischio di estinzione. CD-ROM, in SCOPPOLA A. & BLASI C. (Eds.), Stato delle conoscenze sulla flora vascolare d'Italia. Palombi Ed., Roma.

5. SITE PROTECTION STATUS

Back to top

5.1 Designation types at national and regional level (optional):

Code Cover [%]
IT1146.00
IT1395.00

5.2 Relation of the described site with other sites (optional):

Designated at national or regional level:

Type code Site name Type Cover [%]
IT11Intero territorio comunale di Rivello comprendente il gruppo del Sirino con un compatto manto vegetale e gli antichi monumenti dello abitato=44.00
IT11Quote superiori a m. 1200=11.00
IT13Zone sottoposte a vincolo idrogeologico=95.00

5.3 Site designation (optional)


No information provided

6. SITE MANAGEMENT

Back to top

6.1 Body(ies) responsible for the site management:


No information provided

6.2 Management Plan(s):

An actual management plan does exist:

Yes
No, but in preparation
X
No

6.3 Conservation measures (optional)


No information provided

 

7. MAP OF THE SITE

Back to top No information provided

SITE DISPLAY