Database release:
SDF
NATURA 2000 - STANDARD DATA FORM

For Special Protection Areas (SPA),
Proposed Sites for Community Importance (pSCI),
Sites of Community Importance (SCI) and
for Special Areas of Conservation (SAC)

TABLE OF CONTENTS

1. SITE IDENTIFICATION

Back to top

1.1 Type

B

1.2 Site code

IT9220085

1.3 Site name

Costa Ionica Foce Basento

1.4 First Compilation date

1995-06

1.5 Update date

2017-01

1.6 Respondent:

Name/Organisation:Regione Basilicata Dip. Ambiente, Territorio e Politiche della Sostenibilità Ufficio Tutela della Natura
Address:               
Email:

1.7 Site indication and designation / classification dates

Date site proposed as SCI:1995-09
Date site confirmed as SCI: No data
Date site designated as SAC:2017-01
National legal reference of SAC designation:DM 11/01/2017 - G.U. 28 del 03-02-2017

2. SITE LOCATION

Back to top

2.1 Site-centre location [decimal degrees]:

Longitude:16.816395
Latitude:40.327760

2.2 Area [ha]

1393.0000

2.3 Marine area [%]

60.6000

2.4 Sitelength [km]:

4.90

2.5 Administrative region code and name

NUTS level 2 code Region Name
ITF5Basilicata

2.6 Biogeographical Region(s)

Mediterranean (100.00 %)

3. ECOLOGICAL INFORMATION

Back to top

3.1 Habitat types present on the site and assessment for them

Annex I Habitat types Site assessment
Code PF NP Cover [ha] Cave [number] Data quality A|B|C|D A|B|C
      RepresentativityRelative SurfaceConservationGlobal
1110  info      835.2  0.00 
1130  info      5.48  0.00 
1210  info      5.48  0.00 
1310  info      21.92  0.00 
1410  info      54.8  0.00 
1420  info      54.8  0.00 
2110  info      10.96  0.00 
2120  info      10.96  0.00 
2230  info      10.96  0.00 
2240  info      0.55  0.00 
2250  info      32.88  0.00 
2260  info      164.4  0.00 
92D0  info      32.88  0.00 
  • PF: for the habitat types that can have a non-priority as well as a priority form (6210, 7130, 9430) enter "X" in the column PF to indicate the priority form.
  • NP: in case that a habitat type no longer exists in the site enter: x (optional)
  • Cover: decimal values can be entered
  • Caves: for habitat types 8310, 8330 (caves) enter the number of caves if estimated surface is not available.
  • Data quality: G = 'Good' (e.g. based on surveys); M = 'Moderate' (e.g. based on partial data with some extrapolation); P = 'Poor' (e.g. rough estimation)

3.2 Species referred to in Article 4 of Directive 2009/147/EC and listed in Annex II of Directive 92/43/EEC and site evaluation for them

Species Population in the site Site assessment
G Code Scientific Name S NP T Size Unit Cat. D.qual. A|B|C|D A|B|C
      MinMax  Pop.Con.Iso.Glo.
BA168Actitis hypoleucos          DD 
BA168Actitis hypoleucos          DD 
BA324Aegithalos caudatus          DD 
BA229Alcedo atthis          DD 
BA229Alcedo atthis          DD 
BA257Anthus pratensis          DD 
BA226Apus apus          DD       
BA228Apus melba          DD       
BA028Ardea cinerea     
BA028Ardea cinerea          DD 
BA024Ardeola ralloides    10  10   
BA087Buteo buteo          DD 
BA149Calidris alpina          DD 
BA224Caprimulgus europaeus    20  20   
BA366Carduelis cannabina          DD 
BA366Carduelis cannabina          DD 
BA364Carduelis carduelis          DD 
BA364Carduelis carduelis          DD 
R1224Caretta caretta          DD       
BA288Cettia cetti          DD 
BA138Charadrius alexandrinus     
BA136Charadrius dubius          DD 
BA080Circaetus gallicus          DD       
BA081Circus aeruginosus     
BA081Circus aeruginosus          DD 
BA289Cisticola juncidis          DD 
BA208Columba palumbus     
BA231Coracias garrulus     
BA349Corvus corone          DD 
BA253Delichon urbica    20  20   
BA253Delichon urbica          DD 
BA027Egretta alba          DD 
BA027Egretta alba     
BA026Egretta garzetta          DD 
BA026Egretta garzetta     
BA377Emberiza cirlus          DD 
BA377Emberiza cirlus          DD 
R1220Emys orbicularis          DD 
BA269Erithacus rubecula          DD 
BA269Erithacus rubecula          DD 
BA099Falco subbuteo          DD       
BA096Falco tinnunculus          DD 
BA244Galerida cristata          DD 
BA342Garrulus glandarius          DD 
BA130Haematopus ostralegus          DD       
BA251Hirundo rustica          DD       
BA340Lanius excubitor     
BA184Larus argentatus    50  50   
BA184Larus argentatus          DD 
BA184Larus argentatus          DD 
BA179Larus ridibundus    100  100   
BA179Larus ridibundus          DD 
BA179Larus ridibundus          DD 
M1355Lutra lutra     
BA230Merops apiaster    10   
BA230Merops apiaster    10   
BA383Miliaria calandra          DD 
BA262Motacilla alba          DD 
BA319Muscicapa striata          DD 
BA319Muscicapa striata          DD 
BA329Parus caeruleus          DD 
BA330Parus major          DD 
F1095Petromyzon marinus          DD 
BA343Pica pica          DD 
BA275Saxicola rubetra          DD       
BA276Saxicola torquata          DD 
BA276Saxicola torquata          DD 
BA361Serinus serinus          DD 
BA361Serinus serinus          DD 
BA195Sterna albifrons    30  30   
BA191Sterna sandvicensis          DD 
BA191Sterna sandvicensis    10  10   
BA209Streptopelia decaocto     
BA305Sylvia melanocephala          DD 
R1217Testudo hermanni          DD 
BA162Tringa totanus          DD 
BA162Tringa totanus          DD       
  • Group: A = Amphibians, B = Birds, F = Fish, I = Invertebrates, M = Mammals, P = Plants, R = Reptiles
  • S: in case that the data on species are sensitive and therefore have to be blocked for any public access enter: yes
  • NP: in case that a species is no longer present in the site enter: x (optional)
  • Type: p = permanent, r = reproducing, c = concentration, w = wintering (for plant and non-migratory species use permanent)
  • Unit: i = individuals, p = pairs or other units according to the Standard list of population units and codes in accordance with Article 12 and 17 reporting (see reference portal)
  • Abundance categories (Cat.): C = common, R = rare, V = very rare, P = present - to fill if data are deficient (DD) or in addition to population size information
  • Data quality: G = 'Good' (e.g. based on surveys); M = 'Moderate' (e.g. based on partial data with some extrapolation); P = 'Poor' (e.g. rough estimation); VP = 'Very poor' (use this category only, if not even a rough estimation of the population size can be made, in this case the fields for population size can remain empty, but the field "Abundance categories" has to be filled in)

3.3 Other important species of flora and fauna (optional)

Species

Population in the site

Motivation

Group CODE Scientific Name S NP Size Unit Cat. Species Annex Other categories
     MinMax C|R|V|PIVVABCD
Arthrocnemum macrostachyum                   
Bufo balearicus (in dir. Come parte di Bufo viridis)                   
Callinectes sapidus                   
Calopteryx haemorrhoidalis (Van der Linden 1825)                   
Calopteryx splendens (Harris, 1782)                   
Crocothemis erythraea (Brullé, 1832)                   
Ephedra distachya L.                   
Euphorbia terracina L.                   
Hierophis viridiflavus (in dir. come Coluber viridiflavus)                   
Hyla intermedia (in dir. Come parte di Hyla arborea)                   
1344Hystrix cristata                   
Juncus acutus L.                   
Juniperus oxycedrus ssp. macrocarpa (Sm.)Bell                   
Lacerta bilineata (in dir. come parte di Lacerta viridis)                   
Limonium serotinum (Rchb.) Pign.                   
Maresia nana (Bc) Batt.                   
Martes foina                   
Matthiola sinuata L.                   
Medicago marina L.                   
Orthetrum brunneum (Boyer de Fonscolombe, 1837)                   
Orthetrum cancellatum (Linnaeus, 1758)                   
Pancratium maritimum L.                   
Pelophylax sinkl. hispanicus (in dir. Come Rana lessonae)                   
1250Podarcis sicula                   
Sarcocornia fruticosa (L.) A.J.Scott                   
Sarcocornia perennis (Miller) A.J.Scott                   
Schoenus nigricans L.                   
Suaeda fruticosa (L.)Forsskal                   
Suaeda maritima (L.) Dumort                   
Triglochin bulbosum ssp. barellieri                   
  • Group: A = Amphibians, B = Birds, F = Fish, Fu = Fungi, I = Invertebrates, L = Lichens, M = Mammals, P = Plants, R = Reptiles
  • CODE: for Birds, Annex IV and V species the code as provided in the reference portal should be used in addition to the scientific name
  • S: in case that the data on species are sensitive and therefore have to be blocked for any public access enter: yes
  • NP: in case that a species is no longer present in the site enter: x (optional)
  • Unit: i = individuals, p = pairs or other units according to the standard list of population units and codes in accordance with Article 12 and 17 reporting, (see reference portal)
  • Cat.: Abundance categories: C = common, R = rare, V = very rare, P = present
  • Motivation categories: IV, V: Annex Species (Habitats Directive), A: National Red List data; B: Endemics; C: International Conventions; D: other reasons

4. SITE DESCRIPTION

Back to top

4.1 General site character

Habitat class % Cover
N020.16
N036.29
N042.59
N060.80
N071.08
N083.90
N093.23
N103.35
N150.40
N2015.25
N232.79
N2460.16

Total Habitat Cover

100

Other Site Characteristics

Il sito comprende l'area di foce del fiume Basento e il tratto di costa sabbiosa che si estende a nord e in gran parte a sud del fiume. La costa si presenta bassa e sabbiosa con sistemi dunali recenti (Olocene), caratterizzati da rilevanti attività dinamiche di origine idrica ed eolica e fenomeni di erosione (predominanti) e sedimentazione che determinano l'alternanza di tratti costieri più o meno estesi. Come per l'intera costa ionica, il sito è caratterizzato da clima meso-mediterraneo secco, con temperature medie annue intorno ai 16-18 °C e precipitazioni medie annue sui 500 mm. Il litorale è costituito principalmente da terreni recenti, con suolo molto sciolto ed erodibile (sedimenti con prevalenza di sabbie; mentre presso la foce sedimenti con prevalenza di limo e argilla). I tratti costieri comprendono il complesso delle dune sabbiose, depressioni retrodunali con vegetazione alofila in parte sostituita da pinete artificiali che si spingono fino al litorale. L'area retrodunale è rappresentata da terreni a maggiore tenore di argilla, di origine fluviale, che si trovano a una quota altimetrica di poco inferiore del livello marino. La caratteristica principale è quella di essere parzialmente sommersa durante la stagione invernale da acque fortemente salmastre tanto da condizionare la vita delle stesse piante. La vegetazione potenziale dell'area è rappresentata dalla serie psammofila e aloigrofila dei litorali sabbiosi e dalla vegetazione di cinta e boscaglie ripariali del tratto terminale dei corsi d'acqua mediterranei. L'assetto attuale della vegetazione è il risultato di massicci interventi di bonifica e impianti forestali artificiali finalizzati a proteggere le aree agricole interne, per cui si ha un complesso mosaico di vegetazione a diversi livelli di naturalità e maturità che si alternano ad impianti artificiali, zone agricole e aree edificate. Particolarmente estese sono le formazioni alofile retrodunali che consistono in un complesso mosaico di fitocenosi: salicornieti (habitat 1420), giuncheti e prati periodicamente inondati (1410), boscaglie a Tamarix (92D0) e canneti. All'interno si estende una pineta di origine artificiale a pino domestico (Pinus pinea), e pino d'Aleppo (Pinus halepensis), e sporadicamente pino marittimo (Pinus pinaster).che occupa aree potenzialmente colonizzate dall'habitat della macchia retrodunale (2260), ben evidente nei tratti in cui la pineta è diradata. In alcuni tratti la pineta si spinge anche in contesti potenzialmente occupati dai pascoli inondati mediterranei (1410) e dai salicornieti (1420). Dal punto di vista strettamente forestale è interessante notare come due elementi essenziali della macchia mediterranea, quali il lentisco e la fillirea, siano abbondantemente rappresentati in molti tratti della pineta. Pertanto, si può ritenere che il rimboschimento in esame assuma la fisionomia dell'alleanza Oleo-Ceratonion molto simile alle limitrofe pinete joniche del tarantino e probabilmente all'associazione Pistacio-Pinetum halepensis De Marco et al. (1984). L'habitat 1110 è caratterizzato da una fitta prateria a Cymodocea nodosa che parte da circa 6 metri di profondità e si dirada all'aumentare della stessa fino a 12 metri.

4.2 Quality and importance

La macchia psammofila è in alcuni tratti ricca di elementi floristici di pregio e ospita una popolazione di ginepro coccolone (Juniperus oxycedrus ssp. macrocarpa) estesa e in discreto stato di conservazione. In alcuni tratti si conservano gli elementi della serie psammofila delle dune (2110, 2120, 2210). Particolarmente significativo è il complesso di habitat alo-igrofili che colonizza le aree retrodunali periodicamente soggette a inondazione, sia per l'estensione che per la ricchezza floristica e di habitat. Il sic è un importante sito di sosta per l'avifauna migratoria. L'area retrodunale situata alla sx idrografica della foce è di grande interesse per la presenza di estese formazioni a Salicornia sp. e Tamarix sp. Tale biotopo favorisce la presenza di una comunità ornitica molto diversificata consentendo la sosta di numerose specie migratrici e svernanti. Importante la presenza invernale dell'Averla maggiore (Lanius excubitor), specie scarsa e irregolare per la Regione (cfr. Fulco et alii, 2008). Sotto il profilo erpetologico, è di notevole importanza il rinvenimento di Testudo hermanni osservata negli estesi salicornieti. Le fonti ufficiali, infatti, (cfr. Sindaco et alii, 2006) non riportano alcun dato di presenza per l'arco jonico lucano. Tale osservazione suggerisce l'esistenza di una continuità tra le popolazioni calabresi e quelle pugliesi. La pineta costiera, anche se di origine artificiale e relativamente recente, è integrata nel paesaggio della costa ionica di cui rappresenta un elemento fortemente caratterizzante. Va sottolineato che là dove la pineta si presenta in buone condizioni vegetative e gestionali è possibile presupporre una buona e favorevole evoluzione verso biocenosi a sclerofille sempreverdi, che rappresentano la vegetazione naturale potenziale di questa zona. E' da segnalare il ritrovamento di un esemplare di granchio alloctono (probabilmente Callinectes sapidus che è una specie presente sulle coste di Israele), già ritrovato in altre località italiane. Non è ancora chiaro se questa presenza è da attribuirsi a introduzioni accidentali oppure ad una possibile espansione dell'areale della specie. Pur essendo l'unico sito costiero lucano per il quale non è stato possibile confermare la presenza della lontra, la specie è certamente frequentatrice dell'area data la vicinanza con gli altri siti. Rispetto alla perimetrazione originaria si propone una modifica in modo da includere un più ampio tratto di habitat ripariali, mentre è stata sottratta un'area già in origine completamente edificata ed attualmente occupata dal Villaggio "Gli Argonauti". Altre modifiche sono state effettuate per l'adeguamento ad una base cartografica di maggiore dettaglio e per una migliore riconoscibilità dei limiti sul territorio (tracciati stradali, ferrovia, corsi d'acqua, ecc.). Le variazioni nelle tipologie e superfici degli habitat sono da attribuirsi ad una più dettagliata interpretazione (grazie anche alla pubblicazione del Manuale Italiano degli Habitat) e all'applicazione di metodologie GIS per il calcolo delle percentuali. L'habitat "2190 Depressioni umide interdunari" segnalato nel precedente formulario è, secondo il nuovo Manuale Italiano d'Interpretazione degli Habitat da escludersi dall'Italia. Alcune delle specie faunistiche segnalate nel vecchio formulario non sono state confermate durante l'aggiornamento. Le ragioni di questa apparente discrepanza sono sintetizzate come segue: 1) Specie non appartenenti alla fauna locale, la cui presenza nel vecchio Formulario era probabilmente dovuta ad un errore di battitura. E' il caso dell'Averla maschera Lanius nubicus, specie distribuita nel Medio e Vicino Oriente e non segnalata in Italia (Yosef & Loher, 1995) e dello Zigolo muciatto Emberiza cia, legato tutto l'anno a formazioni cacuminali montane (Cramp & Perrins, 1994). 2) Specie potenzialmente presenti durante le migrazioni ma ecologicamente non legate all'area di studio. In questo caso l'osservazione di eventuali soggetti migratori è sfuggita al rilevamento. E' il caso ad esempio della Ghiandaia marina Coracias garrulus; legata agli ambienti steppici (cfr. Cramp & Perrins, 1994; Brichetti & Fracasso, 2007). L'Habitat dei banchi di sabbia a debole coperura permanente di acqua marina (1110) sono presenti in tutta la parte a mare del SIC e si presentano in ottimo stato di conservazione. sotto il profilo faunistico, il Sito è d'importanza strategica per le popolazioni di Caretta caretta che transitano in questa zona alla ricerca di specie bentoniche di cui nutrirsi.E' presente un'intensa attività di pesca, soprattutto a strascico, che si ripercuote sulla strutturazione dei popolamenti bentonici nonchè sulle popolazioni di Caretta caretta, che durante le rotte migratorie, rischiano di essere pescate con lenze o palangari.

4.5 Documentation

CORBETTA F., GRATANI L., MORICONI M., PIRONE G. -- Lineamenti vegetazionali e caratterizzazione ecologica delle spiagge dell'arco jonico da Taranto alla foce del Sinni. Coll. Phytosoc. 19: 461-521 [1992 (1989)]. FASCETTI S., NAVAZIO G., 2007. Specie protette, vulnerabili e rare della flora lucana. Regione Basilicata. Vol. monografico a cura della Regione Basilicata. Fascetti S., 2008. "Valutazione dello stato di rischio e degrado degli habitat di interesse comunitario (Dir. "Habitat"92/43 CEE) della costa jonica della Basilicata". Atti Conv."Cost, prevenire, programmare, pianificare", Autorità di Bacino Basilicata, Maratea 15-17 maggio 2008: 684-689. FULCO E., COPPOLA C., PALUMBO G., VISCELGIA M., 2008. Check-list degli Uccelli della Basilicata, aggiornata al 31 maggio 2008. Riv. It. Orn. 78: 13-28. SINDACO R., DORIA G., RAZZETTI E., BERNINI F. (eds), 2006. Atlante degli Anfibi e Rettili d'Italia. Societas Herpetologica Italica - Edizioni Polistampa, Firenze. Pp. 792.

5. SITE PROTECTION STATUS

Back to top

5.1 Designation types at national and regional level:

Code Cover [%]
IT0225.00
IT11100.00

5.2 Relation of the described site with other sites:

Designated at national or regional level:

Type code Site name Type Cover [%]
IT02RISERVA STATALE ORIENTATA METAPONTO*25.00
IT11Area panoramica costiera0.00

6. SITE MANAGEMENT

Back to top

6.1 Body(ies) responsible for the site management:

Organisation:La Riserva Statale è gestita dal Corpo Forestale dello Stato - Ufficio Territoriale per la Biodiversità -Potenza.
Address:
Email:

6.2 Management Plan(s):

An actual management plan does exist:

Yes
No, but in preparation
X
No

 

7. MAP OF THE SITE

Back to top No data

SITE DISPLAY