Database release:
SDF
NATURA 2000 - STANDARD DATA FORM

For Special Protection Areas (SPA),
Proposed Sites for Community Importance (pSCI),
Sites of Community Importance (SCI) and
for Special Areas of Conservation (SAC)

TABLE OF CONTENTS

1. SITE IDENTIFICATION

Back to top

1.1 Type

C

1.2 Site code

IT9220130

1.3 Site name

Foresta Gallipoli - Cognato

1.4 First Compilation date

1995-06

1.5 Update date

2019-12

1.6 Respondent:

Name/Organisation:Regione Basilicata Dip. Ambiente, Territorio e Politiche della Sostenibilità Ufficio Tutela della Natura
Address:               
Email:

1.7 Site indication and designation / classification dates

Date site classified as SPA:1998-11
National legal reference of SPA designationD.G.R. n. 978 del 4 giugno 2003
Date site proposed as SCI:1995-09
Date site confirmed as SCI:2006-07
Date site designated as SAC:2013-09
National legal reference of SAC designation:DM 16/09/2013 - G.U. 226 del 26-09-2013

2. SITE LOCATION

Back to top

2.1 Site-centre location [decimal degrees]:

Longitude:16.124700
Latitude:40.535300

2.2 Area [ha]

4289.0000

2.3 Marine area [%]

0.0000

2.4 Sitelength [km]:

0.00

2.5 Administrative region code and name

NUTS level 2 code Region Name
ITF5Basilicata

2.6 Biogeographical Region(s)

Mediterranean (100.00 %)

3. ECOLOGICAL INFORMATION

Back to top

3.1 Habitat types present on the site and assessment for them

Annex I Habitat types Site assessment
Code PF NP Cover [ha] Cave [number] Data quality A|B|C|D A|B|C
      RepresentativityRelative SurfaceConservationGlobal
3150  info      42.89  0.00 
6210  info  X     343.1  0.00 
8210  info      42.89  0.00 
9180  info      1543.96  0.00 
91AA  info      428.88  0.00 
91B0  info      42.89  0.00 
91M0  info      3345.25  0.00 
92A0  info      85.78  0.00 
9340  info      42.89  0.00 
  • PF: for the habitat types that can have a non-priority as well as a priority form (6210, 7130, 9430) enter "X" in the column PF to indicate the priority form.
  • NP: in case that a habitat type no longer exists in the site enter: x (optional)
  • Cover: decimal values can be entered
  • Caves: for habitat types 8310, 8330 (caves) enter the number of caves if estimated surface is not available.
  • Data quality: G = 'Good' (e.g. based on surveys); M = 'Moderate' (e.g. based on partial data with some extrapolation); P = 'Poor' (e.g. rough estimation)

3.2 Species referred to in Article 4 of Directive 2009/147/EC and listed in Annex II of Directive 92/43/EEC and site evaluation for them

Species Population in the site Site assessment
G Code Scientific Name S NP T Size Unit Cat. D.qual. A|B|C|D A|B|C
      MinMax  Pop.Con.Iso.Glo.
BA085Accipiter gentilis          DD 
BA086Accipiter nisus          DD 
BA324Aegithalos caudatus          DD 
BA229Alcedo atthis          DD 
BA053Anas platyrhynchos          DD       
BA255Anthus campestris          DD       
BA226Apus apus          DD       
BA028Ardea cinerea          DD       
BA221Asio otus          DD 
BA218Athene noctua          DD 
A5357Bombina pachipus          DD 
BA215Bubo bubo           
BA087Buteo buteo          DD 
M1352Canis lupus          DD 
BA224Caprimulgus europaeus          DD 
BA366Carduelis cannabina          DD 
BA364Carduelis carduelis          DD 
BA363Carduelis chloris          DD 
BA335Certhia brachydactyla          DD 
BA288Cettia cetti          DD 
BA080Circaetus gallicus     
BA289Cisticola juncidis          DD 
BA373Coccothraustes coccothraustes          DD 
BA208Columba palumbus          DD 
BA350Corvus corax          DD       
BA349Corvus corone          DD       
BA212Cuculus canorus          DD 
BA253Delichon urbica          DD       
BA237Dendrocopos major          DD 
BA238Dendrocopos medius    20  20   
BA240Dendrocopos minor          DD 
R1279Elaphe quatuorlineata          DD 
BA377Emberiza cirlus          DD 
R1220Emys orbicularis          DD 
BA269Erithacus rubecula          DD 
BA101Falco biarmicus          DD 
BA103Falco peregrinus     
BA096Falco tinnunculus          DD 
BA321Ficedula albicollis          DD 
BA359Fringilla coelebs          DD       
BA342Garrulus glandarius          DD       
BA251Hirundo rustica          DD       
BA338Lanius collurio          DD 
BA341Lanius senator          DD 
BA246Lullula arborea          DD 
BA271Luscinia megarhynchos          DD 
M1355Lutra lutra          DD 
BA230Merops apiaster          DD       
BA383Miliaria calandra          DD 
BA073Milvus migrans     
BA074Milvus milvus    10  10   
BA281Monticola solitarius          DD 
BA262Motacilla alba          DD       
BA261Motacilla cinerea          DD 
BA319Muscicapa striata          DD 
BA337Oriolus oriolus          DD 
BA214Otus scops          DD 
BA329Parus caeruleus          DD 
BA330Parus major          DD 
BA325Parus palustris          DD 
BA621Passer italiae     
BA072Pernis apivorus     
BA273Phoenicurus ochruros          DD 
BA273Phoenicurus ochruros    20  20   
BA274Phoenicurus phoenicurus          DD 
BA315Phylloscopus collybita          DD 
BA314Phylloscopus sibilatrix          DD 
BA235Picus viridis          DD 
BA318Regulus ignicapillus          DD 
A1175Salamandrina terdigitata          DD 
BA276Saxicola torquata          DD 
BA155Scolopax rusticola          DD 
BA361Serinus serinus          DD 
BA332Sitta europaea          DD 
BA210Streptopelia turtur          DD 
BA219Strix aluco          DD 
BA311Sylvia atricapilla          DD 
BA304Sylvia cantillans          DD 
BA309Sylvia communis          DD 
BA305Sylvia melanocephala          DD 
A1167Triturus carnifex          DD 
BA283Turdus merula          DD 
BA285Turdus philomelos          DD 
BA287Turdus viscivorus          DD 
BA232Upupa epops          DD 
  • Group: A = Amphibians, B = Birds, F = Fish, I = Invertebrates, M = Mammals, P = Plants, R = Reptiles
  • S: in case that the data on species are sensitive and therefore have to be blocked for any public access enter: yes
  • NP: in case that a species is no longer present in the site enter: x (optional)
  • Type: p = permanent, r = reproducing, c = concentration, w = wintering (for plant and non-migratory species use permanent)
  • Unit: i = individuals, p = pairs or other units according to the Standard list of population units and codes in accordance with Article 12 and 17 reporting (see reference portal)
  • Abundance categories (Cat.): C = common, R = rare, V = very rare, P = present - to fill if data are deficient (DD) or in addition to population size information
  • Data quality: G = 'Good' (e.g. based on surveys); M = 'Moderate' (e.g. based on partial data with some extrapolation); P = 'Poor' (e.g. rough estimation); VP = 'Very poor' (use this category only, if not even a rough estimation of the population size can be made, in this case the fields for population size can remain empty, but the field "Abundance categories" has to be filled in)

3.3 Other important species of flora and fauna (optional)

Species

Population in the site

Motivation

Group CODE Scientific Name S NP Size Unit Cat. Species Annex Other categories
     MinMax C|R|V|PIVVABCD
Acer cappadocicum Gled. subsp. lobelii (Ten.) Murray                   
Dactylorhiza romana Sebast.                   
Dianthus vulturius Guss. & Ten.                   
Epipactis meridionalis H. Baumann & R. Lorenz 1988                 
1363Felis silvestris      30               
Fraxinus angustifolia                   
Heptaptera angustifolia (Bertol.) Tutin                   
5670Hierophis viridiflavus                   
Himantoglossum hircinum (L.) Spreng.                   
Ilex aquifolium                   
Knautia lucana (Lacaita) Szabo                   
5179Lacerta bilineata                 
Linaria dalmatica (L.) Miller                   
Lissotriton italicus (Peracca, 1898)                   
2630Martes foina                   
2631Meles meles                 
Neotinea maculata (Desf.) Stearn                   
Ophrys lacaitae Lojac.                   
Oprys exaltata Ten.                   
Orchis mascula L.                   
Orchis tridentata Scop.                   
Paeonia mascula (L.) Mill.                   
1256Podarcis muralis                   
1250Podarcis sicula                   
Quercus patraea (Matt.) Liebl. ssp austrotyrrhenica Brullo, Guarino & Siracusa                   
1206Rana italica                   
Rana sinklepton hispanica Bonaparte, 1839                   
Ranunculus aquatilis L.                   
Ranunculus tricophyllus Chaix                   
1849Ruscus aculeatus                   
5861Sus scrofa                   
TILIA CORDATA MILLER                   
1168Triturus italicus                 
Ulmus glabra Huds.                   
Viola aethnensis Parl. ssp. splendida (W. Becker) Merxm et Lippert                   
Vipera aspis                   
5906Vulpes vulpes                   
Zamenis lineatus (Camerano, 1891)                   
  • Group: A = Amphibians, B = Birds, F = Fish, Fu = Fungi, I = Invertebrates, L = Lichens, M = Mammals, P = Plants, R = Reptiles
  • CODE: for Birds, Annex IV and V species the code as provided in the reference portal should be used in addition to the scientific name
  • S: in case that the data on species are sensitive and therefore have to be blocked for any public access enter: yes
  • NP: in case that a species is no longer present in the site enter: x (optional)
  • Unit: i = individuals, p = pairs or other units according to the standard list of population units and codes in accordance with Article 12 and 17 reporting, (see reference portal)
  • Cat.: Abundance categories: C = common, R = rare, V = very rare, P = present
  • Motivation categories: IV, V: Annex Species (Habitats Directive), A: National Red List data; B: Endemics; C: International Conventions; D: other reasons

4. SITE DESCRIPTION

Back to top

4.1 General site character

Habitat class % Cover
N098.00
N1690.00
N181.00
N221.00

Total Habitat Cover

100

Other Site Characteristics

Il sito comprende gran parte della Foresta di Gallipoli Cognato, la più estesa delle foreste demaniali della Basilicata. Si estende a nord-ovest fino a comprendere un tratto del fiume Basento, mentre a sud-est il confine si spinge fino al torrente Salandrella. Il limite sud-occidentale segue il crinale di Costa La Rossa che digrada ripidamente nella Valle della Rossa. Il territorio comprende i rilievi di M.te La Croccia (1151 m s.l.m.), M.te Malerba (1093 m s.l.m.) e numerosi valloni che si sviluppano da nord-ovest a sud-est. I terreni affioranti nel SIC sono identificati come: Argille Varicolori Auct. databili dal Cretaceo - Miocene (Boenzi et al., 1971); Flysch Rosso (Pescatore & Tramutoli, 1980) del Cretaceo superiore -Miocene inferiore; Flysch Numidico (Ogniben, 1969) di età Aquitaniano - Burdigaliano; Flysch di Gorgoglione (Selli, 1962; Ciaranfi, 1972) datato al Langhiano medio-Tortoniano inferiore (Boenzi & Ciaranfi, 1970); Formazione di Serra Palazzo (Selli, 1962) di età Elveziano-Langhiano e i terreni Plio-pleistocenici (Boenzi et al., 1968; Caldara et al., 1993), in accordo con quanto riportato nella Carta Geologica DItalia 1:100.000 Foglio 200 - Tricarico (Boenzi et al., 1971). Larea è quasi interamente boscata, prevalgono le cerrete e i consorzi misti di cerro, rovere meridionale e roverella. Nei valloni umidi la componente forestale si arricchisce di frassino, nocciolo, tiglio e varie specie di aceri.

4.2 Quality and importance

Il bosco di Gallipoli-Cognato è un sito di rilevante interesse paesaggistico e naturalistico, quasi interamente ricoperto da foreste decidue. Si tratta in gran parte di querceti caducifogli dominati dal cerro (Quercus cerris), a cui si possono trovare associati il farnetto (Q. frainetto), la roverella (Q. pubescens s.l.), la rovere (Q. petraea). Questi boschi sono in gran parte riferibili allhabitat 91M0 Foreste Pannonico-Balcaniche di cerro e rovere. Dal punto di vista fitosociologico nellambito di queste formazioni forestali si possono ulteriormente distinguere diverse associazioni vegetali come il Physospermo verticillati-Quercetum cerridis, caratterizzata da specie quali Helleborus foetidus, Cornus mas, Vinca major e Vicia grandiflora che è la tipologia più rappresentata. Lungo le linee dimpluvio e su suoli più umidi si rinvengono aspetti di cerreta caratterizzata dalla presenza abbondante di Fraxinus oxycarpa e con un ricco strato erbaceo con unabbondante fioritura di Ranunculus velutinus. Unaltra variante interessante della cerreta tipica è quella caratterizzata dalla presenza di Quercus frainetto, che in alcune stazioni tende a diventare codominante insieme al cerro. In condizioni più termofile e su superfici più drenate prevale il bosco sempreverde caratterizzato dalla dominanza del leccio (habitat 9340 Foreste di Quercus ilex e Quercus rotundifolia). Le leccete più estese ricadono ai margini del sic, in particolare lungo il versante sud-occidentale di Costa la Rossa. Sempre a bassa quota si rinvengono boschi a roverella (Q. pubescens) quasi sempre mista al cerro e/o al leccio, riconducibili al Centaureo-Quercetum pubescentis (Zanotti et al., 1993). Queste formazioni possono essere inquadrate nellhabitat 91AA* Boschi orientali di quercia bianca, a cui sono stati recentemente riferiti i boschi di roverella dellItalia peninsulare secondo il manuale italiano dinterpretazione degli habitat dinteresse comunitario. Lungo i versanti più accidentati il querceto si arricchisce di elementi tipici delle forre umide come Tilia platyphyllos, Corylus avellana, Acer sp. pl., Ostrya carpinifolia. Si rinvengono lembi di bosco ripariale lungo il margine del sito che costeggia il Fiume Basento, si tratta di formazioni caratterizzate da specie igrofile quali Populus nigra, Populus canescens, Alnus glutinosa, Salix sp. pl. (92A0). Importante significato ecologico assumono le piccole pozze artificiali utilizzate per il bestiame, in alcuni casi le sponde si sono naturalizzate e sono colonizzate da specie acquatiche quali Potamogeton nodosus, Lemna minor, Alisma plantago-aquatica, Ranunculus sp. pl., ecc. Lhabitat 9210*, precedentemente segnalato, è da escludersi in quanto indica le faggete a Ilex e Taxus del sud Italia, non presenti nel sito in questione. Lhabitat 6310 Dehesas con Quercus spp. sempreverde si ritiene escluderlo in quanto nellarea non sono presenti pascoli alberati con querce sempreverdi, ma piuttosto boschi (querceti sempreverdi e decidui) sempre con elevate coperture dello strato arboreo in cui viene praticato il pascolo, con conseguente impoverimento dello strato arbustivo. Lhabitat 9280 Boschi di Quercus frainetto è, secondo il nuovo Manuale Italiano degli Habitat, da attribuire a faggete con presenza di Q. frainetto, tipologia piuttosto rara in Italia e non presente nel sito in questione, mentre i boschi di farnetto dellAppennino meridionale sono da attribuire allhabitat 91M0, insieme alle cerrete con cui in genere formano consorzi misti. Nel SIC sono state individuate 19 specie faunistiche di interesse comunitario; di queste, 12 specie di Uccelli risultano inserite nellAll. I della dir. 79/409 CEE, 2 specie di Mammiferi, 2 di Rettili e 3 di Anfibi sono inserite nellAll. II della Dir. 92/43 CEE mentre ulteriori 2 specie di Anfibi e 1 di Rettili risultano nellAll. IV della Dir. 92/43/CEE. A testimonianza della relativa integrità delle cerrete ivi presenti e della molteplicità di nicchie ecologiche rappresentate, si sottolinea la simpatria di 4 specie di Picidi in un territorio tutto sommato relativamente ristretto (esteso per meno di 600 ha): Picchio verde (Picus viridis), Picchio rosso maggiore (Dendrocopos major), Picchio rosso mezzano (Dendrocopos medius), Picchio rosso minore (Dendrocopos minor). Di particolare interesse risultano le elevate densità con cui è stato rilevato il Picchio rosso mezzano, specie molto rara e localizzata in Italia, e in declino su scala europea. La comunità ornitica si caratterizza per una notevole densità delle specie più spiccatamente forestali e legate alla presenza di cavità e crepe nei tronchi. Abbondanze elevate sono state infatti osservate, ad esempio, per il Picchio muratore (Sitta europaea) e per il Rampichino comune (Certhia brachydactyla), entrambi considerati dei buoni indicatori della complessità forestale (Gregory et alii, 2004). La nidificazione, inoltre, di specie localizzate sul territorio regionale, come il Codirosso comune (Phoenicurus phoenicurus), il Tordo bottaccio (Turdus philomelos) e il Frosone (Coccothraustes coccothraustes), avvalorano ulteriormente limportanza di tale biotopo nel panorama ornitologico regionale. Di rilievo anche la nidificazione di una coppia di Falco Pecchiaiolo (Pernis apivorus), specie rara e localizzata in Italia meridionale (Brichetti & Fracasso, 2003). Inoltre si sottolinea la nidificazione di diverse coppie di Nibbio reale (Milvus milvus) e di Nibbio bruno (Milvus migrans), entrambe presenti con elevate densità. Di notevole interesse anche la nidificazione dellAstore (Accipiter gentilis), specie rara e localizzata in Italia meridionale (Brichetti & Fracasso, 2003). La componente erpetologica è rappresentata da alcune specie inserite in direttiva Habitat nellallegato IV, come il Tritone italiano (Lissotriton italicus), la Rana appenninica (Rana italica) e il Saettone occhirossi (Zamenis lineatus). Tuttavia, sono state rinvenute anche tre specie nellAll. II della Dir. Habitat, vale a dire Cervone (Elaphe quatuorlineata), Salamandrina dagli occhiali (Salamandrina terdigitata) e Tritone crestato italiano (Triturus carnifex). E plausibile che queste ultime due specie siano più diffuse allinterno del SIC di quanto fin ora accertato, dunque si suggerisce lopportunità di condurre indagini ad hoc, per stabilire lesatta distribuzione delle specie sul territorio, al fine di meglio orientare i futuri piani di gestione. Alcune specie precedentemente segnalate nel formulario non sono state osservate durante la presente campagna di rilevamento. Nel dettaglio si espongono di seguito le considerazioni specie-specifiche: Bubo bubo. Specie NON rilevata. Si ritiene la sua presenza comunque probabile, anche se il gufo reale nidifica quasi esclusivamente su pareti inaccessibili, vista la vicinanza geografica di zone di nidificazione. Si propone di INCLUDERE la specie nel formulario ufficiale con consistenza di popolazione ignota avvalendosi del codice generico di presenza (P). Lutra lutra. Specie NON rilevata. Si ritiene altamente probabile la frequentazione del SIC da parte della specie, almeno lungo il Fiume Basento in località Ponte della Vecchia, dal momento che è la sua presenza nel bacino del Basento è ampiamento nota e definita come una delle popolazioni più importante dItalia (Panzacchi et alii, 2010; Prigioni, 1997). E possibile che la sua presenza sia sfuggita al rilevamento fin ora condotto. Si propone di INCLUDERE la specie nel formulario ufficiale con consistenza di popolazione ignota avvalendosi del codice generico di presenza (P). Bombina pachypus. Specie NON rilevata. Si ritiene possibile la sua presenza, soprattutto in virtù dei diversi siti potenzialmente idonei rinvenuti (cibbie, fontanili, abbeveratoi). Sono state raccolte, inoltre, testimonianze ritenute attendibili circa osservazione della specie in anni passati. E possibile che lUlulone sia sfuggito al rilevamento condotto fin ora, ci si riserva di confermarne la presenza nei prossimi mesi. Si propone di INCLUDERE la specie nel formulario ufficiale con consistenza di popolazione ignota avvalendosi del codice generico di presenza (P). Emys orbicularis. Specie NON rilevata. Si ritiene possibile la sua presenza, soprattutto in virtù dei diversi siti potenzialmente idonei rinvenuti (pozze per labbeverata, acquitrini lungo il Basento). Sono state raccolte, inoltre, testimonianze ritenute attendibili circa osservazione della specie in anni passati. E possibile che la Testuggine palustre sia sfuggita al rilevamento condotto fin ora, ci si riserva di confermarne la presenza nei prossimi mesi. Si propone di INCLUDERE la specie nel formulario ufficiale con consistenza di popolazione ignota avvalendosi del codice generico di presenza (P).

4.4 Ownership (optional)

Type[%]
PublicNational/Federal0
State/Province0
Local/Municipal0
Any Public0
Joint or Co-Ownership0
Private0
Unknown0
sum100

4.5 Documentation

AITA L., CORBETTA F., ORSINO F., 1977. Osservazioni fitosociologiche sulla vegetazione forestale dell’Appennino Lucano Centro-Settentrionale. I. Le cerrete. Arch. Bot. Biogeogr. Ital., 53 (3-4): 97-130. BOENZI F. & CIARANFI N. (1970). Stratigrafia di dettaglio del Flysch di Gorgoglione (Lucania). Mem. Soc. Geol. It., 9, 65-79. BOENZI F., CIARANFI N., PIERI P. (1968). Osservazioni geologiche nei dintorni di Accettura e Oliveto Lucano. Mem. Soc. Geol. It., 7, 379-392. BOENZI F., PALMENTOLA G., VALDUCA A. (1971). Note illustrative della Carta Geologica d’Italia - Foglio 200 Tricarico. Nuova Tecnica Grafica - Roma. BOIANO U. (1997). Anatomy of a siliciclastic turbidite basin: the Gorgoglione Flysch, upper Miocene, southern Italy: physical stratigraphy, sedimentology and sequences-stratigraphic framework. Sedimentary Geololgy, 107, 231-262. BONINI M., SANI F., MORATTI G., BENVENUTI M. G. (2010). Quaternary evolution of the Lucania Apennine thrust front area (Southern Italy), and its relations with the kinematics of the Adria Plate boundaries. Journal of Geodynamics, doi:10.1016/j.jog.2010.01.010. BRICHETTI P. FRACASSO G., 2003. Ornitologia Italiana Vol. 1 – Oasi Alberto Perdisa Editore, Bologna BRICHETTI P. FRACASSO G., 2006. Ornitologia Italiana Vol. 3 – Oasi Alberto Perdisa Editore, Bologna BRICHETTI P. FRACASSO G., 2007. Ornitologia Italiana Vol. 4 – Oasi Alberto Perdisa Editore, Bologna BRICHETTI P. FRACASSO G., 2009. Ornitologia Italiana Vol. 5 – Oasi Alberto Perdisa Editore, Bologna CALDARA M., CIARANFI N., MARINO M. (1993). I depositi plio-pleistocenici di avanfossa al bordo dell’Appennino meridionale tra Oliveto Lucano e Garaguso (Basilicata). Mem. Soc. Geol. It., 112, 893-908. CAVALCANTE F., FIORE S., PICCARRETA G., TATEO F. (2003). Geochemical and mineralogical approaches to assessing provenance and deposition of shales: a case study. Clay Minerals, 3, 383-397. CIARANFI N. (1972). Il Flysch di Gorgoglione. Boll. Serv. Geol. D’It. 92, 101-114. CONTI F. et al., 2007 – Secondo contributo alla conoscenza floristica della Basilicata: resoconto dell’escursione del Gruppo di Floristica (S.B.I.) nel 2004. Inf. Bot. Ital., 39 (1):11-33 CONTI F., MANZI A., PEDROTTI F., 1997 - Liste rosse regionali delle piante d'Italia. Ass. ital. per il W.W.F., S.B.I. Università di Camerino. CRITELLI S. & LOIACONO F. (1992). Provenienza e dispersione dei sedimenti nel Flysch di Gorgoglione (Langhiano-Tortoniano, Appennino lucano): implicazioni sull’evolozione delle mode detritiche arenacee nell’orogene sudappenninico. Mem. Soc. Geol. It., 41, 809-826. CROSTELLA A. & VEZZANI L. (1964). La geologia dell’Appennino foggiano. Boll. Soc. Geol. It., 83, 1-23. DASREM - Dipartimento Agricoltura, Sviluppo Rurale, Economia Montana, REGIONE BASILICATA, (2006). AA. VV. I suoli della Basilicata. Carta pedologica della Regione Basilicata in scala 1:250.000. FASCETTI S., NAVAZIO G., 2007. Specie protette, vulnerabili e rare della flora lucana. Regione Basilicata. LOIACONO F. (1993). Geometrie e caratteri deposizionali dei corpi arenacei nella successione stratigrafica del Flysch di Gorgoglione (Miocene superiore, Appennino meridionale). Boll. Soc. Geol. It., 112, 909-922. MALASPINA A., 2010 - Monte Croccia: Riserva naturale e Città fortificata. Alla scoperta dei tesori del Parco. Fruscìo - Periodico del Parco Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane n. 2: 4-5. OGNIBEN L. (1969). Schema introduttivo alla geologia del confine calabro-lucano. Mem. Soc. Geol. It., 8, 453-763. PANZACCHI M., GENOVESI P., LOY A. (a cura di), 2010. Piano d’Azione Nazionale per la conservazione della Lontra Lutra lutra. Min. Ambiente – ISPRA. PESCATORE T. & TRAMUTOLI M. (1980). I rapporti tra i depositi del Bacino di Lagonegro e del Bacino Irpino nella media valle del Basento (Lucania). Rend. Acc. Sci. Fis. Matem. della Soc. Naz. Sci. Lettere ed Arti, Napoli, 47, 19-41. PESCATORE T., RENDA P., TRAMUTOLI M. (1988). Rapporti tra le Unità Lagonegresi e le Unità Sicilidi nella valle del Basento, Lucania (Appennino Meridionale). Mem. Soc. Geol. It., 41 , 353 - 361. PIEDILATO S. & PROSSER G. (2005). Thrust sequences and evolution of the external sector of a fold and thrust belt: an example from the Southern Apennines (Italy). Journal of Geodynamics, 39, 386–402. POLEMIO M & SDAO F. (1996). Eventi di pioggia e fasi di attività di una frana nei pressi di Calciano in Basilicata. Atti del V Convegno dei giovani ricercatori in Geologia Applicata, Cagliari 8-11 Ottobre 1996. PRIGIONI C., 1997. La Lontra, una vita silenziosa negli ambienti acquatici. Edagricole, Bologna. SARROCCO S., CALVARIO E., 2004. Densità e consistenza numerica della Balia dal collare Ficedula albicollis nel pSIC “Bosco Vallonina” (RI) – Alula 11: 113-118. SELLI R. (1962). Il Paleogene nel quadro della geologia dell’Italia meridionale. Mem. Soc. Geol. It., 3.

5. SITE PROTECTION STATUS

Back to top

5.1 Designation types at national and regional level:

Code Cover [%]
IT04100.00
IT11100.00
IT13100.00

5.2 Relation of the described site with other sites:

Designated at national or regional level:

Type code Site name Type Cover [%]
IT11Legge n. 1497 del 1939 - Decreto Ministeriale 18 Aprile 1985+100.00
IT04Parco Regionale di Gallipoli Cognato - Piccole Dolomiti Lucane-100.00
IT02Riserva antropologica dello Stato di Monte Croccia+1.00

6. SITE MANAGEMENT

Back to top

6.1 Body(ies) responsible for the site management:

Organisation:REGIONE BASILICATA
Address:
Email:

6.2 Management Plan(s):

An actual management plan does exist:

Yes
No, but in preparation
X
No

6.3 Conservation measures (optional)

DGR 30/2012 http://www.retecologicabasilicata.it/ambiente/site/portal/detail.jsp?sec=107282&otype=1012&id=10116

 

7. MAP OF THE SITE

Back to top
INSPIRE ID:F 230 IV NE IV SO IV

SITE DISPLAY